Politica e Sanità

giu152022

Tumore al seno in terapia ormonale adiuvante, al via la quarta edizione di "Ora pOSSO"

È incentrata sull'alimentazione, l'edizione di quest'anno di "Ora pOSSO le donne con tumore al seno contro la fragilità ossea", la campagna che accompagna le donne colpite da tumore al seno, in un percorso di conoscenza della fragilità ossea e dell'aumento del rischio di fratture, come conseguenza delle terapie ormonali adiuvanti. Ai partner storici quali Amgen, Europa Donna Italia e F.I.R.M.O., si aggiunge il patrocinio di ROPI (Rete Oncologica Pazienti Italia), Susan G. Komen Italia e W4O (Women for Oncology), e il sostegno dello sponsor tecnico Acqua Uliveto.

Il tumore al seno è il tumore più frequentemente diagnosticato nelle donne in Italia. Ogni anno si ammalano circa 55 mila donne: il 41% nella fascia d'età fino ai 49 anni, il 35% dai 50 ai 69, il 22% oltre i 70 anni.

La pagina Facebook "EuropaDonnaItalia" ospiterà un calendario mensile di dirette per approfondire con gli specialisti tematiche legate alla fragilità ossea e ai corretti stili di vita. Sul sito dedicato ossafragili.it/oraposso è possibile trovare tutti gli strumenti utili alle pazienti, come per esempio i programmi specifici di attività fisica dedicati alle pazienti per aiutarle a 'sapersi muovere' e mantenere le ossa in salute e a "saper chiedere" per costruire un dialogo efficace con lo specialista e a settembre sarà disponibile un booklet con alcune informazioni pratiche per una dieta bilanciata.

«Il trend è in costante crescita, ma grazie alla diagnosi precoce combinata con cure sempre più efficaci, è aumentata l'aspettativa di vita» afferma Paolo Veronesi, direttore del Programma Senologia e Divisione di Senologia Chirurgica IEO Istituto Europeo di Oncologia e Ordinario Chirurgia Generale, Università degli Studi di Milano.

L'indagine condotta da Europa Donna Italia su 307 pazienti con tumore al seno dai 18 anni agli oltre 60 evidenzia che il 97% di loro è a conoscenza degli effetti collaterali a carico dell'apparato scheletrico delle terapie ormonali adiuvanti: il 54% ha ricevuto dall'oncologo informazioni sulla fragilità ossea collegata alle terapie ormonali adiuvanti, nel 14% dei casi le campagne informative sono state fonte di informazione per venire a conoscenza della problematica, mentre il 10% ha cercato informazioni indipendentemente, il 7% le ha ricevute dall'endocrinologo, il 4% dal medico di base e il 6% tramite associazioni pazienti. A quasi una paziente su due non è stata tuttavia prescritta una terapia per proteggere le ossa e quasi la metà segue una dieta mirata.

Dalla survey emerge che l'87% delle donne con tumore al seno è consapevole del fatto che l'alimentazione può essere un prezioso alleato per la salute delle ossa e addirittura il 97% è a conoscenza dell'importanza di calcio e vitamina D per salvaguardare il benessere dell'apparato scheletrico.
Ma il passaggio dalla teoria alla pratica vede abbassarsi le percentuali: poco più della metà (58%) delle pazienti ha cambiato abitudini alimentari dopo la diagnosi di tumore al seno e sono appena il 66% quelle che assumono integratori di calcio e vitamina D.

E ancora. Solo il 33% delle pazienti consapevoli del ruolo giocato dall'alimentazione per la salute delle ossa, ha ricevuto un'indicazione dal proprio medico di riferimento, mentre il 36% di quante seguono una dieta mirata si è affidato esclusivamente al web per sapere quali cibi preferire. Il 77% delle intervistate indica proprio l'alimentazione tra i temi che vorrebbe fossero affrontati dalla campagna Ora pOSSO, insieme con l'attività fisica, i dolori legati alle cure ormonali e la prevenzione dei problemi alle ossa.

La campagna Ora pOSSO è attiva sulla pagina Facebook di Europa Donna Italia e sul sito dedicato ossafragili.it/oraposso con aggiornamenti e informazioni grazie al contributo di Esperti e pazienti.
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi