Politica e Sanità

dic222017

Premio eHealth4all, l'Ict per la prevenzione punta a chi chiede app maneggevoli

Non importa se per dispositivo mobile o fisso, purché sia maneggevole, metta tanta tecnologia a disposizione di utenti giovani e anziani nel modo più semplice, aiuti a fare prevenzione primaria, secondaria (screening) e terziaria. E' l'identikit del candidato "ideale" tra i progetti informatici per la salute chiamati a partecipare alla terza edizione del Premio eHealth4all, il cui bando 2017-19 è online (www.ehealth4all.it): dopo le app per rendere più sani gli stili di vita e dopo la lotta alle fragilità, il Premio scommette sul dialogo tra sistemi intelligenti. Anche per questa edizione l'obiettivo della manifestazione, nata da un'idea del ClubTi Sanità Milano coordinato da Ornella Fouillouze, resta il benessere del cittadino che voglia prevenire l'insorgenza di malattie o del paziente che intenda evitarne l'aggravarsi o il riacutizzarsi, utilizzando app per mobile o pc fisso. Ma quest'anno i progetti, dallo strumento che aiuta nella gestione delle attività quotidiane ai sensori, dal telesoccorso agli screening a distanza, dovranno concentrarsi sull'innovazione e sulla ricerca di soluzioni originali.

La nuova edizione, dal titolo Prevenzione 4.0 - tecnologie e soluzioni per la salute di oggi e di domani, punta in modo particolare su strumenti facili da utilizzare, ma con forte retroterra tecnologico, nonché capaci di far guadagnare tempo e di dare un valore aggiunto in termini di soddisfazione. Grande attenzione sarà dedicata alla robotica, al Cognitive Computing, all'utilizzo di IoT e dispositivi indossabili, a modalità innovative di comunicazione e all'uso di tecnologie opensource. Networking e Media Partner dell'iniziativa è Netconsulting Cube. I candidati dovranno inviare entro il 15 marzo 2018 le schede dei progetti in forma elettronica alla segreteria ClubTI@Assolombarda.it. La selezione avverrà entro metà aprile 2018, secondo criteri come l'aderenza ai temi del bando, l'innovatività, la "misurabilità" degli effetti, la dimensione dell'utenza coinvolta, le potenzialità di sviluppo e l'allineamento agli standard del settore e alle Linee d'Indirizzo Nazionali per la Telemedicina. I prescelti saranno presentati a metà 2018. Poi, ci sarà un anno di tempo per lo sviluppo e la misurazione dei risultati da parte del Comitato Scientifico composto da medici, statistici, economisti, informatici. Il premio finale consisterà in una targa che sarà consegnata a Milano a primavera 2019. Delle due precedenti edizioni la prima (2015, premio consegnato ad Expo) è stata vinta da Asl Milano 2 Melegnano con la piattaforma Training & Food Game 4 all rivolta a studenti e docenti di 11 scuole medie e licei che condividono su WhatsApp e su social da mobile percorsi di adesione a stili di vita sani partecipando a una competizione a tappe per il rispetto di obiettivi concordati con l'Asl. L'edizione 2017 rivolta alle fasce di popolazione più deboli è stata vinta dall'app "Infostranieri per la salute" dell'Ats (ex Asl) Milano che indica in nove lingue- inclusi arabo, cinese, tagalog, russo - come iscriversi al medico di famiglia o aderire alle vaccinazioni; ma soprattutto fa prevenzione attiva, proponendo un check up sulla tubercolosi, per un'autovalutazione del rischio.


Mauro Miserendino
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community