Politica e Sanità

mag152018

Personale sanitario, Fiaso promuove network dei responsabili risorse umane

Con l'obiettivo strategico di valorizzare il capitale umano che sorregge la sanità pubblica nasce a Bologna il network dei responsabili del personale della Aziende sanitarie ed Ospedaliere promosso da Fiaso, la Federazione di Asl e Ospedali.

Il network, nato nella innovativa cornice di Fico Eataly World, è una novità assoluta come sottolineato dal Presidente della Fiaso, Francesco Ripa di Meana, «i dirigenti delle nostre Aziende che lavorano a vari livelli alla governance del personale fino ad oggi non hanno avuto un luogo di rappresentanza dove confrontarsi» ha detto in apertura Ripa DI Meana. «Con la creazione del Network Fiaso mettiamo finalmente in rete la comunità dei Responsabili delle risorse umane per dire insieme a tutto il Top e Middle management che in questa fase di cambiamento siamo presenti e possiamo dare un contributo al futuro del sistema di assistenza nel nostro Paese. L'era dei commissariamenti, dei vincoli più stringenti di bilancio e dei blocchi del turn over» ha aggiunto «ha finito per stimolare le Aziende ad innovare, con una organizzazione del personale che si è fatta trasversale nonostante contratti e legislazione siano rimasti più o meno gli stessi. E questo è stato possibile affiancando ai Dg figure manageriali che li aiutassero nella governance delle risorse umane Figure» conclude Ripa di Meana «che Fiaso ha voluto valorizzare istituendo il Forum del Middle management che le ricomprende e al quale verrà dedicata una intera giornata della nostra Convention nazionale convocata per il ventennale della Federazione, che coincide con il quarantennale del nostro Ssn, il cui futuro non può prescindere dalla migliore valorizzazione e gestione del suo capitale umano».

«Le proiezioni che indicano nei prossimi anni una progressiva carenza di medici stanno già oggi generando una competizione tra Aziende per attrarre il maggior numero di loro, con il rischio di lasciare scoperte le piante organiche nelle sedi meno appetibili», spiega Luca Baldino, Dg della Ausl di Piacenza e coordinatore FIASO per l'Emilia Romagna. «Per questo serve un governo di allocazione delle risorse che può rappresentare una opportunità di cambiamento, magari per studiare il passaggio di alcune competenze da professionalità mediche a non mediche».

«Il network» ha spiegato, infine, il Direttore di Fiaso, Nicola Pinelli «ha come obiettivo primario la valorizzazione delle risorse umane e per fare questo partirà da uno studio dei fabbisogni formativi per elaborare poi proposte su nuovi metodi di reclutamento, innovazioni organizzative anche attraverso "l'Age Diversity Management" e la ridefinizione dei profili professionali, necessaria a fronte dei cambiamenti istituzionali e organizzativi in atto nella nostra sanità».
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community