Politica e Sanità

nov102017

Pensioni, Cimo: il lavoro del medico è usurante. Chersevani (Fnomceo): estendere la deroga

I medici sono ancora esclusi dalle categorie che possono beneficiare della pensione anticipata con requisiti agevolati per i lavoratori pubblici o privati che svolgono attività lavorative particolarmente faticose e pesanti. Lo sottolinea in una nota il presidente nazionale di Cimo, Guido Quici che osserva come «non possono e non devono essere esclusi» tenuto conto che tra i lavori gravosi «rientrano le professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni e gli addetti all'assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza a condizione che ci sia, come recita il testo della normativa vigente, "un impegno tale da rendere particolarmente difficoltoso e rischioso il loro svolgimento in modo continuativo"».

Da una prima stima, continua Quici, «i medici cessati con diritto di pensione sono stati 29.566, di cui 7.575 (16% donne) per limiti di età e 21.991 (29% donne) cessati per dimissione con un trend di uscita dal mondo del lavoro di circa 3.000 medici anno. Visto il rapporto tra medici ospedalieri, totale medici dipendenti del SSN e la percentuale dei medici esposti a lavori usuranti, nell'ambito dello stesso trend di dismissione annua, coloro che potranno usufruire, ogni anno, del beneficio sono meno di 400 medici. Ai fini, quindi, di una prima previsione della spesa, l'impatto economico è di circa 9 milioni di euro che corrisponde all'80% della retribuzione media (73.050 euro/anno) calcolata su 5 mensilità e, ovviamente, su 400 medici. Al tempo stesso, per la finanza pubblica generale, ci sarebbe un risparmio di 4,1 milioni di euro derivanti dal mancato pagamento, da parte delle aziende sanitarie, degli oneri riflessi. Quindi possiamo stimare un saldo di soli 5 milioni di euro/anno».

«Numeri a parte» aggiunge «è del tutto legittimo considerare il lavoro del medico ospedaliero un lavoro usurante perché svolge analoga attività lavorativa organizzata in turni svolti nelle stesse condizioni strutturali ed organizzative di difficoltà e rischiosità che rendono il lavoro altrettanto gravoso. Sono da aggiungere, inoltre, quelle condizioni di stress correlate ai livelli di alta responsabilità, insito nell'atto medico con elevata esposizione anche a contenziosi di natura legale. Cimo riscontra come ancora una volta non si voglia riconoscere, ma addirittura penalizzare, il lavoro del medico. A tutela della professione e dei suoi diritti Cimo ha inviato ai membri della commissione bilancio uno specifico emendamento e alla stessa commissione chiederà audizione» conclude Quici.

Sulla stessa lunghezza d'onda anche una nota di Fnomceo nella quale il presidente Roberta Chersevani sottolinea come il lavoro del medico sia usurante. «Penso all'operazione che pochi giorni fa ha permesso di separare le due gemelline siamesi, durata dieci ore e che ha coinvolto quaranta persone; penso all'ennesima chiamata durante un turno di notte; penso anche, per rimanere alla mia esperienza di radiologo, a quando inietti un mezzo di contrasto e il paziente comincia a star male. Penso ai turni massacranti, al plus orario e al sovraccarico di lavoro, che ci sono costati un richiamo dall'Europa; alle guardie, alle reperibilità, al lavoro notturno e festivo che ci allontanano dalla famiglia e dagli affetti; ai rischi professionali, al contatto con radiazioni, sostanze chimiche, oggetti taglienti potenziali portatori di infezioni. La professione del medico è usurante, dal punto di vista fisico e ancor di più da quello psicologico: se non lo fosse, non avrebbero senso le evidenze cliniche di stress lavorativo e di sindrome da burn out nei medici» dice Chersevani. «Porterò all'ordine del giorno del prossimo Comitato Centrale la questione» assicura il presidente Fnomceo «in modo da unire la nostra voce a quella dell'intersindacale nel chiedere al Governo che la "deroga" venga estesa anche ai medici insieme a tutte le garanzie e tutele previste per i lavori usuranti».
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community