Diritto Sanitario

dic152016

Mansioni superiori alla qualifica non c'è titolo per acquisire inquadramento

Sotto il profilo sostanziale, la disciplina del pubblico impiego (a differenza di quanto stabilito per i dipendenti privati dall'art 13 della L. n. 300 del 1970, c.d. Statuto dei Lavoratori) non prevede che il dipendente pubblico, ove incaricato di svolgere mansioni superiori a quelle della declaratoria della qualifica di appartenenza, per questa sola ragione acquisisca il titolo per essere inquadrato in quella qualifica. Posto che uno dei principi fondamentali del pubblico impiego è che l'accesso alle varie qualifiche funzionali avviene per concorso, bandito su posti vacanti e disponibili nell'organico dell'ente, solo in via eccezionale il legislatore (in deroga a tali principi) con leggi "di sanatoria", (applicabili una tantum e con riferimento a fattispecie ed apparati organizzativi specifici, come la L. n. 207 del 1985 per il personale transitato alle neo istituite Unità Sanitarie Locali nel 1979), ha consentito il miglior inquadramento a favore dei dipendenti, che avessero svolto de facto mansioni di un livello superiore a quello formalmente posseduto. (Avv. Ennio Grassini - www.dirittosanitario.net)
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community