Politica e Sanità

apr192017

Manovrina, ecco le novità in arrivo. Allarme Gimbe e Regioni: sanità a rischio implosione

Nel 2019 la sanità italiana potrebbe implodere, perché il finanziamento atteso dal governo al momento è inferiore alla soglia di sopravvivenza definita dall'Ocse pari al 6,5% del Pil. Il calcolo arriva dalla Fondazione Gimbe e dal presidente Nino Cartabellotta secondo il quale a fronte di un incremento del Pil del 2,9% annuo tra 2018 e 2020 un incremento della spesa sanitaria dell'1,3% annuo porterebbe nel 2019 ad avere un impatto del Fondo sanitario sul prodotto interno lordo del paese solo del 6,4% Cartabellotta ricorda come negli ultimi anni la sanità abbia sempre ricevuto molto meno di quanto previsto dal DEF. «Clamoroso l'esempio del 2016: i 117,6 miliardi di euro stimati dal DEF 2013 si sono ridotti a 116,1 con il DEF 2014, quindi a 113,4 con il DEF 2015, per arrivare con la Legge di Stabilità 2016 a un finanziamento reale di 111 miliardi, comprensivi di 800 milioni da destinare ai nuovi livelli essenziali i assistenza. Se le stime del DEF 2017 su aumento del PIL e spesa sanitaria fossero corrette, crescendo meno del PIL nominale, la spesa sanitaria non coprirà nemmeno l'aumento dei prezzi».

O meglio, «nel prossimo triennio la sanità pubblica potrà disporre delle stesse risorse in termini di potere di acquisto solo se la ripresa economica del Paese sarà in linea con previsioni più che ottimistiche, visto che la crescita stimata del PIL è del 2,2% nel 2017 e del 2,9% nel 2018 e nel 2019». In realtà i dati Istat sul Pil trimestrale dicono che in realtà cresciamo meno della Grecia; e le regioni non ne possono più. Ieri in audizione alla Camera sul Def il rappresentante della conferenza Massimo Garavaglia ha ricordato che sempre nel 2019 per le regioni ci potrebbero essere tagli lineari non sopportabili (con implicite ripercussioni sulle rispettive sanità). Garavaglia rileva che, a differenza dei ministeri centrali, la dieta le regioni l'hanno fatta e la loro spesa è in flessione negli ultimi 8 anni di 12 miliardi di cui 9 di tagli strutturali e 2,7 di tagli lineari. Intanto filtrano le prime indiscrezioni sulla manovrina (che è una legge vera e propria, a differenza del Def che contiene gli impegni programmatici dell'Italia con l'Unione Europea per tutto il 2017); in sanità, la "finanziaria d'estate" dovrebbe dare più poteri all'Aifa, che potrà avere accesso privilegiato al sistema di interscambio dove viaggiano le fatture elettroniche di Asl e Regioni alle industrie per controllare l'andamento della spesa farmaceutica 2016 e 2017 e gli eventuali sforamenti.

Quest'anno il tetto della spesa farmaceutica è stato innalzato dal 3 al 7% per il capitolo ospedaliera e distribuzione diretta ed è sceso dall'11,35 al 7,85% della spesa sanitaria per il capitolo farmacie convenzionate. Ora sulle transazioni il governo vuole la massima trasparenza. Resta fermo che dal 2018 nei modelli delle fatture elettroniche sarà introdotto un campo specifico ove riportare il Codice di autorizzazione all'ammissione in commercio (Aic): in tempo reale, l'Aifa potrà conoscere ogni formato di ogni farmaco acquistato dal Ssn, con sconto del 50%. Secondo le agenzie, la manovrina conferma inoltre l'inserimento a carico del Fondo farmaci innovativi, o del Fondo innovativi oncologici, con l'approdo immediato nei Prontuari di tutte le regioni, solo per i principi realmente "nuovissimi". Ai farmaci per i quali la commissione tecnico scientifica Aifa riconosca la sola innovatività condizionata (o potenziale), sarà concesso solo l'inserimento nei prontuari regionali. L'articolo 34 infine proroga in automatico gli accordi stato-regioni in tema di edilizia sanitaria: potranno essere utilizzate dalle regioni solo l'anno prossimo le somme che lo stato ha deciso di stanziare nel 2017 a seguito degli accordi del 2016. Si prevede infine più puntualità per i riparti del Fondo sanitario e delle quote premiali tra regioni: il ministero dell'Economia potrà dispensare gli stanziamenti anche in assenza di delibera Cipe.


Mauro Miserendino
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community