Politica e Sanità

dic62018

Manovra, Bonaccini: parere positivo. Passi avanti in sanità

«Ognuno di noi sulla manovra potrebbe dare il proprio giudizio. Personalmente, da presidente della Regione Emilia Romagna, ne darei uno non proprio positivo, tuttavia come presidente della Conferenza delle Regioni abbiamo dato un parere positivo perché nella parte che riguarda le due voci di discussione nel rapporto con il governo avevamo dato, oltre un mese fa, un parere molto positivo sulla parte extra sanità, perché avevamo strappato questa riconversione dei 4,2 miliardi di euro del biennio in possibili investimenti. Sulla parte sanità invece io non sono pienamente soddisfatto per l'accordo che abbiamo raggiunto, ma era giusto dare un parere positivo perché in ogni caso dei passi in avanti obiettivamente sono stati fatti». Lo ha riferito il presidente Stefano Bonaccini lasciando i lavori della Conferenza straordinaria delle Regioni.

«L'accordo» ha aggiunto Bonaccini «prevede ad esempio il triplo delle risorse per il fondo per la riduzione delle liste di attese che da 50 è passato a 150 milioni, un aumento di 2 miliardi di euro sugli investimenti, una parte di risorse che verranno previste per il contratto della dirigenza medica. E comunque per il triennio l'incremento di 2 miliardi per il 2020 e di un miliardo e mezzo per il 2021 sarebbe una buona notizia; certo è che quel miliardo del prossimo anno non è stato incrementato se non con quelle voci aggiuntive che non sono proprio quello che abbiamo chiesto fino in fondo, però un passo in avanti c'é stato e come Conferenza delle Regioni» ha sottolineato «si cerca sempre di avvicinare le posizioni per provare a lavorare insieme. E mi auguro» ha concluso Bonaccini «che nel prossimo anno possano esserci ulteriori avvicinamenti delle richieste con il governo».
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community