Politica e Sanità

lug172020

Management sanitario, ottimizzazione della governance e tecnologie sanitarie per guardare al futuro in epoca Covid-19

Introdurre nuovi approcci gestionali e organizzativi dopo l'emergenza Covid-19, con uno sguardo sul lungo periodo, è necessario per una pianificazione corretta ed efficace dell'assistenza ospedaliera, ma anche di quella territoriale e domiciliare. Interconnessione dei dati, accesso alle tecnologie sanitarie, ma anche investimenti sul personale e sulla telemedicina sono fondamentali. Lo hanno evidenziato i relatori del webinar "Management sanitario: verso un necessario miglioramento dell'efficienza gestionale ed economica in epoca Covid-19", organizzato da Imagine gruppo Edra con il supporto di Biogen e rivolto al farmacista territoriale e ospedaliero.

Francesco Saverio Mennini, professore di Health Economics della Facoltà economia Università Tor Vergata di Roma ha analizzato le opportunità per la sostenibilità e per lo sviluppo futuro del Sistema sanitario nazionale, precisando che «Covid-19 ha innescato delle reazioni comportamentali che hanno investito il modello assistenziale sanitario nel nostro Paese nel breve periodo, focalizzando tutti gli sforzi sul rallentamento del diffondersi dell'infezione e assistere nel miglior modo possibile i cittadini colpiti da questa patologia. Ma un sistema sanitario e sociale che aspiri a porre le basi di una reale sostenibilità economica, organizzativa e finanziaria in un momento di crisi, deve dotarsi di una visione in termini di programmazione che superi la mera logica dell'emergenza e quindi del breve periodo e deve alle sfide che lo attendono nel medio e lungo periodo». Mennini ha precisato che «è necessario continuare a investire perché c'è un ritorno non solo in termini di salute ma anche economico. Le risorse non sono infinite e quindi dobbiamo chiederci quale governance consente innovazione e sostenibilità: affinché si possa riuscire a garantire innovazione e sostenibilità ci vogliono regole certe, ruoli definiti e programmazione». «Avere una popolazione con livelli di salute elevati è sinonimo di benessere economico - ha poi proseguito l'esperto -. Spesso ci si è concentrati solo del concetto relativo al prezzo e ci si è dimenticati del "modello sanità" che garantisce un circolo virtuoso, che significa anche dotarsi delle tecnologie sanitarie più efficaci, metterle a disposizione e renderle disponibili ai professionisti». Tra gli strumenti analizzati dal professore e che devono essere utilizzati per investire per la crescita economica ci sono il personale, l'assistenza domiciliare e territoriale, una corretta programmazione per la prevenzione, ospedali, tecnologie sanitarie, ma anche i Big Data e la telemedicina.

«Dobbiamo essere consapevoli che va cambiato il paradigma: il farmaco non va più considerato come un costo ma come un investimento; questo perché, negli ultimi trent'anni è cambiato il panorama terapeutico e organizzativo», ha poi aggiunto Barbara Rebescu, responsabile farmaceutica e protesica delle politiche del Farmaco di Alisa (Sistema sanitario regionale Liguria) che ha parlato di metodologie e strategie per superare emergenza. Poi, in accordo con quanto affermato da Mennini, ha aggiunto: «È indispensabile pensare a un nuovo sistema di governance generale e di ottimizzazione di tipo gestionale e che i dati siano interconnessi e disponibili a tutti». Fausto Bartolini, direttore del Dipartimento di assistenza farmaceutica Usl Umbria 2 e responsabile area scientifica Sifo logistica-innovazione Management, coordinatore del progetto Sifo-Fare, ha infine trattato il tema del management degli acquisti, descrivendo quali norme sono necessarie per lo snellimento delle procedure di acquisto di farmaci e dispositivi medici e sottolineando criticità e punti nodali: «È necessario riorganizzare e pianificare puntualmente la fase di programmazione degli acquisti; mettere in sinergia la politica farmaceutica regionale con chi costruisce il capitolato di gara; cruciale infine la determinazione dei fabbisogni qualitativi e quantitativi», ha precisato, entrando nel dettaglio di tutto il processo.
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi