Politica e Sanità

giu122018

Formazione, giovani medici Anaao: sistema fallimentare. Serve tavolo per riformarlo

L'attuale sistema formativo medico è «fallimentare» perché "non assicura di fatto la qualità di formazione" ed è «insufficiente anche per quantità rispetto alle necessità del Servizio sanitario». A denunciarlo sono i giovani medici del sindacato Anaao Assomed che, in una lettera al nuovo ministro della Salute Giulia Grillo, chiedono l'apertura di un tavolo per riformarlo. L'errata «programmazione», come più volte segnalato da Anaao giovani, ha creato un pericoloso «imbuto formativo» con una conseguente «grave carenza di medici specialisti e di medici di medicina generale»: il crescente divario tra numero di medici laureati e numero di medici che continuano il percorso di formazione post-lauream lascia fuori da ogni sbocco formativo, e lavorativo, circa la metà dei laureati in Medicina ogni anno. E', denunciano, «una bomba sociale e professionale pronta ad esplodere».

Ormai da molti anni «il numero dei contratti di formazioni specialistica finanziati dallo Stato non riesce a coprire il reale fabbisogno annuale di medici e, di conseguenza, la massiccia ondata di pensionamenti che si verificheranno nei prossimi anni non potrà essere sostituita con un adeguato ricambio professionale». E' necessaria, secondo Anaao Giovani, «una rivisitazione profonda del sistema di formazione, migliorando i test di accesso alle scuole di specializzazione e consentendo l'ingresso del giovane medico negli ospedali già all'inizio o durante il percorso di specializzazione». Per farlo, occorre istituire «un tavolo tecnico permanente», al fine di «creare insieme con tutti gli attori interessati un sistema formativo più efficiente e al passo con le necessità di un servizio sanitario pubblico e nazionale».
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community