Politica e Sanità

set292017

Convenzioni, Simet apre stagione congressi: far entrare i giovani medici in zone carenti

Consentire ai tirocinanti in medicina generale di svolgere attività professionalizzanti, inserire prima nelle zone carenti i giovani medici usciti dal tirocinio, trovare forme di agevolazione per il loro inserimento. Questo dovrà fare la nuova convenzione per ovviare allo spopolamento dei medici sia sul territorio sia nei ruoli della dipendenza del servizio sanitario. È il pensiero di Mauro Mazzoni segretario nazionale dei medici Simet-Fassid, di cui si è appena aperto il congresso a Civitanova Marche. Il sindacato Simet raggruppa medici convenzionati ed ospedalieri. Con Intesa Sindacale e Cisl è al tavolo per il rinnovo della convenzione da poco riaperto, dove rappresenta il 9% degli specialisti ambulatoriali e il 6% dei medici di famiglia. A sua volta Fassid federa le rappresentanze chiave di medici di laboratorio, radiologi, farmacisti ospedalieri, psicologi: in pratica, una costellazione che abbraccia oltre il 10% dei professionisti del Ssn. Il segretario Simet non si nasconde che con gli aumenti definiti per la prossima Finanziaria (0,36% del monte-salari per il 2016, 1,09% per il 2017, 1,45% per il 2018 più indennità di vacanza contrattuale) non si va lontano rispetto ai nuovi compiti definiti dall'atto di indirizzo -ad esempio l'assistenza ai cronici e l'impegno nella copertura vaccinale.

«Lo stanziamento copre appena i dieci anni di vacanza contrattuale -dice Mazzoni a DoctorNews- a fronte, appunto, di un aumento dei compiti professionali e purtroppo, spesso, degli oneri burocratici. Alla luce del nuovo piano sulla cronicità e dei LEA, e dei continui attacchi delle Regioni all'organizzazione di cure primarie, 118 e continuità assistenziale, nonché per gli interventi a livello periferico di disapplicazione degli accordi di lavoro nazionale, si prevede un rinnovo niente affatto facile». Poco consola che il Comitato di Settore Regioni-Sanità, nell'aggiornare l'atto d'indirizzo, riconosca la grave carenza cui il Ssn va incontro a causa del blocco del turnover e del picco di pensionamenti. «Entro il 2026 il 60% degli attuali medici di famiglia sarà in pensione per raggiunto limite di età. Occorre potenziare il ruolo delle regioni nel definire i fabbisogni, in termini sia di rapporto ottimale che di massimale di scelte, e prevedere un incremento del tetto di assistiti in carico ad ogni medico in presenza di modelli organizzativi multi professionali e ben strutturati. Occorre inoltre considerare in convenzione incentivi economici e agevolazioni logistiche (gratuità dello studio, apertura presso una UCCP) per facilitare l'accesso dei giovani medici anche in zone carenti da anni prive di copertura». La convenzione sede idonea? «L'aggiornamento dei LEA, il Piano Cronicità, il Piano per la Prevenzione vaccinale impattano sulle attività svolte dai medici del territorio e ne accrescono le responsabilità; il ministro Lorenzin ha sottolineato come l'aggiornamento degli Atti di indirizzo dovesse rispondere anche all'esigenza di un ricambio generazionale da attuare con meccanismi per velocizzare l'accesso alla professione e coinvolgere i giovani medici in attività professionalizzanti già nel corso del periodo di formazione», rileva Mazzoni. E ricorda la proposta di legge che trasformava in specialità con contratto il tirocinio triennale del futuro medico di famiglia, poi ritirata senza che il dibattito riprendesse. Altra urgenza, «la sicurezza dei luoghi di lavoro dopo i fatti di Catania». Un cenno infine alla volontà delle regioni di destinare il 30% della retribuzione al risultato. Per Mazzoni «già aver accettato un 30% di retribuzione variabile nell'accordo del 2005 fu un errore. Giusto riconoscere un risultato, che sarebbe auspicabile raggiungessero tutti, ma lasciare la gestione alle regioni crea disparità di trattamento tra i cittadini. Alcune regioni non lo hanno utilizzato. Altre, come la Lombardia, spingono per un piano cronicità diverso da quello nazionale e da quanto dice la convenzione nazionale».
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community