Politica e Sanità

gen112018

Alzheimer, Melazzini (Aifa): la ricerca non si ferma. Ottanta industrie al lavoro su neuroscienze

La decisione di Pfizer di abbandonare la ricerca di farmaci contro l'Alzheimer continua a far discutere e se le associazioni di pazienti e le famiglie che si confrontano con la malattia sono seriamente preoccupate, sono molti gli osservatori che riconducono la scelta della multinazionale del Pharma a una strategia aziendale più che a un discorso a valenza scientifica. A gettare acqua sul fuoco è, invece, il direttore generale di Aifa Mario Melazzini che dai microfoni della trasmissione Radio Anch'io di Radio 1, sottolinea come non si debba parlare solo di Pfizer perché «ci sono almeno 80 aziende farmaceutiche che stanno lavorando sulle malattie neurodegenerative e sull'Alzheimer». Nessun abbandono della ricerca sul campo, perciò.

«Ora bisogna continuare a fare squadra su un doppio binario» ha continuato il Dg Aifa. «Da un lato abbiamo in arrivo molte molecole in fase avanzata di sperimentazione clinica che rallentano l'evoluzione della malattia e saranno efficaci nella fase iniziale della patologia. Dall'altro bisogna lavorare sui biomarcatori che consentono di intercettare i pazienti nella fase prodromica in modo da poter utilizzare in modo efficace e mirato i nuovi farmaci quando arriveranno».
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community