Politica e Sanità

nov62018

Alzheimer, farmaci per il diabete potrebbero essere usati per il trattamento

I pazienti con morbo di Alzheimer che ricevono un trattamento farmacologico per il diabete mostrano un numero considerevolmente inferiore di marcatori della malattia nel tessuto cerebrale rispetto a quelli che non assumono tali farmaci, secondo un nuovo studio pubblicato su PLOS One. «I risultati del nostro studio sono importanti perché ci forniscono nuove informazioni utili per il trattamento della malattia di Alzheimer. La maggior parte dei moderni trattamenti per tale patologia hanno come target le placche amiloidi e finora non sono riusciti a offrire una cura efficace» spiega l'autore senior dello studio Vahram Haroutunian, della Icahn School of Medicine al Mount Sinai di New York. Molte persone anziane con diabete mostrano cambiamenti cerebrali che ricordano quelli caratteristici del morbo di Alzheimer. Precedenti studi dei ricercatori del Mount Sinai sul tessuto cerebrale hanno rilevato che il cervello di persone con malattia di Alzheimer e diabete mostrava meno lesioni tipiche dell'Alzheimer rispetto al cervello di persone con malattia di Alzheimer senza diabete, e hanno suggerito che i farmaci antidiabetici potessero avere un effetto protettivo sul cervello di questa popolazione di pazienti. Per determinare cosa si verificasse a livello molecolare, i ricercatori hanno sviluppato un metodo che ha permesso loro di studiare il tessuto del cervello di 34 persone con il morbo di Alzheimer e diabete di tipo 2 che erano stati trattati con farmaci anti-diabetici e di confrontarlo con tessuti derivati dal cervello di 30 persone con Alzheimer senza diabete e di 19 persone senza Alzheimer o diabete.

Hanno poi studiato l'espressione genica di molecole che partecipano alla via di segnalazione dell'insulina e marcatori selettivi delle cellule endoteliali nel tessuto. Ebbene, i livelli di circa la metà di questi marcatori e la grande maggioranza dei cambiamenti molecolari osservati nella malattia di Alzheimer sono risultati ridotti nel tessuto cerebrale dei pazienti con Alzheimer trattati con farmaci per il diabete. «I trattamenti per il diabete, come l'insulina o la metformina, sono approvati dalla FDA e vengono somministrati in sicurezza a milioni di persone, e sembrano avere un effetto benefico sulle persone con Alzheimer. Siamo pronti a portare avanti nuovi studi in questa direzione per capire meglio le basi di questo effetto» concludono gli autori.

PLoS One. 2018. doi: 10.1371/journal.pone.0206547
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30383799 
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community