Pianeta Farmaco

nov232022

Tumore seno metastatico, rimborsabile inibitore Her2 tirosin chinasico che migliora la sopravvivenza

L'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha approvato la rimborsabilità di una nuova terapia mirata, tucatinib, in combinazione con l'anticorpo monoclonale (trastuzumab) e chemioterapia (capecitabina) per le pazienti con tumore del seno metastatico che sovraesprimono la proteina Her2 (Her2+).
La combinazione con tucatinib riduce il rischio di morte del 34%, migliora la sopravvivenza globale e, a due anni, il 51% dei pazienti è vivo rispetto al 40% di quelli trattati con trastuzumab e capecitabina. A 2 anni la sopravvivenza globale mediana è stata di 24,7 mesi con il regime a base di tucatinib rispetto a 19,2 mesi del gruppo di controllo. Inoltre, il 29% di pazienti trattati con tucatinib risulta libero da progressione di malattia rispetto al 14% del gruppo di controllo. Si tratta dunque di importante passo in avanti nel prolungamento della sopravvivenza delle pazienti con tumore della mammella metastatico Her2+ che hanno già ricevuto due linee di trattamento. In particolare, questi benefici si aggiungono a quelli già ottenuti con le prime due linee di trattamento. La disponibilità nel nostro Paese di tucatinib e le ricadute positive per le pazienti sono state illustrate in un incontro a Milano, realizzato con il supporto di Seagen e con la partecipazione di alcuni tra i massimi esperti del settore.

Tucatinib è un farmaco orale, inibitore della tirosin chinasi della proteina Her2. In vitro, tucatinib ha inibito la fosforilazione di Her2 e Her3, con conseguente inibizione della trasduzione del segnale di Mapk e Akt e della crescita cellulare (proliferazione) e ha mostrato attività antitumorale nelle cellule tumorali che esprimono Her2. In vivo, tucatinib ha inibito la crescita dei tumori che esprimono Her2. La combinazione di tucatinib e dell'anticorpo anti-Her2 trastuzumab ha mostrato una maggiore attività antitumorale in vitro e in vivo rispetto a entrambi i farmaci in monoterapia. Nel febbraio 2021, l'Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha approvato tucatinib in combinazione con trastuzumab e capecitabina per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma mammario Her2+ localmente avanzato o metastatico che hanno ricevuto almeno due precedenti regimi di trattamento anti-Her2.

Ogni anno, in Italia, sono stimate quasi 55mila nuove diagnosi di tumore della mammella, il più frequente in tutta la popolazione. «Nel nostro Paese oltre 40 mila donne vivono con una diagnosi di carcinoma mammario metastatico» affermaLucia Del Mastro, docente e Direttrice Clinica di Oncologia medica dell'Irccs Ospedale Policlinico San Martino, Università di Genova. «Nella maggior parte dei casi il carcinoma mammario metastatico non è suscettibile di guarigione ma è una malattia che può essere tenuta sotto controllo per lunghi periodi. In particolare, le terapie mirate hanno cambiato la storia del carcinoma della mammella metastatico, determinando in molti casi una lunga aspettativa di vita, molto più elevata rispetto al passato. Resta però un forte bisogno clinico di armi ancora più efficaci per le pazienti con carcinoma della mammella metastatico Her2+, già trattate con le opzioni terapeutiche standard. Tucatinib si caratterizza per un meccanismo d'azione diverso rispetto alle altre terapie disponibili e mostra un notevole vantaggio non solo nel controllo di malattia ma anche nella sopravvivenza. E, ancora più importante, mostra un'attività significativa e clinicamente rilevante nelle pazienti con metastasi encefaliche sia stabili che attive. La molecola, inoltre, si caratterizza per un'elevata tollerabilità, aspetto fondamentale nella gestione della malattia metastatica per garantire alle pazienti una buona qualità di vita».
«Il 15-20% dei casi di carcinoma della mammella presenta iper-espressione della proteina Her2, il recettore 2 per il fattore di crescita epidermico umano» spiegaMichelino De Laurentiis, direttore del Dipartimento di Oncologia senologica e toraco-polmonare, Istituto nazionale tumori Irccs Fondazione 'G. Pascale' di Napoli. «Storicamente, questo tipo di neoplasia tende a ripresentarsi e ad essere più aggressivo. Inoltre, fino al 50% delle pazienti Her2+ sviluppa metastasi cerebrali. Tucatinib, inibitore tirosin-chinasico di nuova generazione, è in grado di bloccare la replicazione delle cellule tumorali in modo molto efficace. Tucatinib ha permesso di ridurre il rischio di morte del 34% in tutta la popolazione studiata e, addirittura, del 52% nelle pazienti con metastasi cerebrali».

Lo studio Her2Climb, pubblicato sul"New England Journal of Medicine",che ha portato all'approvazione della molecola in Europa nel febbraio del 2021, ha valutato l'aggiunta di tucatinib a trastuzumab e alla chemioterapia in 612 pazienti con carcinoma mammario metastatico Her2+ con e senza metastasi cerebrali, precedentemente trattati. «Her2Climb è la prima sperimentazione clinica prospettica ad aver arruolato, con un'analisi prepianificata, il 48% di pazienti con metastasi cerebrali, tra cui quelle attive, le più difficili da curare» sottolineaGiuseppe Curigliano, docente di Oncologia medica all'Università di Milano e Direttore della Divisione Sviluppo di nuovi farmaci per terapie Innovative all'Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano. «Questo inibitore delle tirosin-chinasi è sufficientemente piccolo da attraversare la barriera ematoencefalica e raggiungere il cervello, bloccando direttamente lo stimolo di proliferazione della proteina Her2. A 24 mesi, tucatinib ha dimostrato una sopravvivenza globale quasi raddoppiata nelle pazienti con metastasi cerebrali (48,5%) rispetto al braccio di confronto (25,1%)». «Le pazienti con malattia metastatica devono essere prese in carico da un team multidisciplinare, cioè dai centri di senologia, in grado di intercettare e soddisfare il loro bisogno di cura globale e duraturo» sottolinea Curigliano. «Nell'ottica di avviare un percorso di convivenza con una malattia cronica come il tumore mammario metastatico, è fondamentale valorizzare il punto di vista della paziente per disegnare in maniera sartoriale l'iter di cura. Infatti, gli studi clinici stanno sempre più includendo tra i loro obiettivi la valutazione della qualità di vita e degli esiti del trattamento riferiti dal paziente, per mezzo di strumenti validati».

«Negli ultimi 20 anni» continua De Laurentiis «grazie all'individuazione dei diversi sottotipi di tumore mammario e alla comprensione dell'eterogeneità biologica della malattia, si è assistito a una straordinaria evoluzione delle terapie, sempre più mirate contro specifici bersagli e quindi sempre meno gravate da tossicità invalidanti. In Italia, l'88% delle pazienti colpite dal carcinoma mammario è vivo a 5 anni ed è potenzialmente guarito». «Resta però una percentuale di pazienti, pari al 7%, in cui la malattia si presenta metastatica già alla diagnosi» sottolinea Del Mastro. «Il tumore della mammella, inoltre, può ripresentarsi sotto forma di metastasi anche dopo molti anni dall'intervento chirurgico e dalla fine delle terapie postoperatorie. Si stima che circa il 20% delle donne con carcinoma inizialmente non metastatico sviluppi metastasi nei 5 anni successivi alla diagnosi. La ricerca rende disponibili trattamenti sempre più efficaci per queste pazienti, come tucatinib, che consentono di vivere più a lungo».
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi