Pianeta Farmaco

apr132018

Psoriasi lieve-moderata, ora c'è schiuma spray al calcipotriolo/betametasone

Un'innovazione nella terapia topica della psoriasi lieve-moderata e delle forme moderate che hanno controindicazioni all'utilizzo di farmaci sistemici. La formulazione in schiuma a base di calcipotriolo/betametasone, presentata ieri in una conferenza stampa organizzata da Leo Pharma, consente una concentrazione molto più alta a livello cutaneo dei due principi attivi, la cui combinazione era già la terapia topica più efficace. Risultati visibili già dopo una settimana e un miglioramento quasi completo entro quattro settimane in un caso su due, testimoniano un'efficacia superiore a quella di ogni altra terapia disponibile, con durata di trattamento dimezzata rispetto al gold standard.

La malattia si manifesta nella maggioranza dei casi (circa il 70-80%) in forme lievi, che però danneggiano comunque la qualità della vita del paziente, provocando fastidio, dolore e disagio. Se le chiazze compaiono su zone visibili a tutti come mani, volto e cuoio capelluto, provocano infatti vergogna e imbarazzo, minando la vita sociale, ma anche quando sono interessate aree meno esposte restano dolore e prurito, così come l'insonnia correlata. «In ogni caso, tutti i pazienti vogliono liberarsi dalla malattia: per questo la ricerca è impegnata a sviluppare farmaci sempre più efficaci e sicuri, ad azione rapida e facili da gestire», dice Giampiero Girolomoni, direttore della Clinica Dermatologica dell'Università di Verona. «Ottenere un controllo soddisfacente delle placche è il principale obiettivo del trattamento della psoriasi: per tale motivo è necessario disporre di farmaci sempre più efficaci, più facili da usare, più comodi, privi di effetti collaterali e che non impieghino troppo tempo ad agire. Nello specifico caso delle forme lievi-moderate, il trattamento ottimale deve rispondere ad alcune precise caratteristiche: essere pratico, non untuoso, facilmente assorbito dalla cute, efficace e con un effetto rapido e, questione importante, non costare troppo. A tutti questi requisiti sembra corrispondere la nuova formulazione». La terapia topica, che è la più indicata per il trattamento della psoriasi lieve, fino a oggi ha dovuto fare i conti con la scarsa efficacia dei farmaci e la lentezza dei miglioramenti, che costringono a trattamenti lunghi e particolarmente fastidiosi, se si pensa per esempio all'untuosità o all'odore persistente dei prodotti utilizzati.

Tutto questo si traduce in una scarsa aderenza alla terapia, con il mancato beneficio e i costi sociali ed economici correlati. Per la psoriasi moderata, invece, finora non ci si è affidati solo alla terapia topica e quindi ci si assume i rischi dell'uso cronico dei farmaci della terapia sistemica. «Adesso la nuova formulazione può offrire un'opzione di trattamento ai pazienti lievi e moderati», dice Piergiacomo Calzavara Pinton, Direttore Unità di Dermatologia Spedali Civili di Brescia e Presidente della Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST). «L'associazione tra calcipotriolo e cortisonico rappresenta la terapia locale più efficace contro la psoriasi, superiore a quella dei due principi attivi somministrati separatamente. Inoltre, la combinazione riduce di molto il rischio di eventi avversi locali sia acuti che cronici rispetto alle due molecole utilizzate singolarmente», sottolinea Calzavara Pinton.

«La nuova formulazione in schiuma sovrassatura permette di ottenere a livello cutaneo una concentrazione molto più alta di principi attivi completamente dissolti nel veicolo. Il risultato terapeutico è decisamente superiore a quello dell'unguento o gel. Ma, cosa non meno importante, questa formulazione è ancora più gradevole e tollerata dal paziente». Gli studi clinici per Enstilar hanno coinvolto circa 1700 pazienti, che nella metà dei casi (51%) hanno raggiunto un miglioramento quasi completo della malattia entro 4 settimane, nell'altra metà hanno comunque ottenuto un miglioramento clinicamente visibile. A 5 giorni dall'inizio del trattamento, già il 50% ha riportato una diminuzione del prurito di almeno il 70%, registrata dopo 4 settimane nell'80% dei pazienti. Dopo 4 settimane, l'80% dei pazienti ha raggiunto un miglioramento rilevante della qualità di vita, mentre per quasi il 50% la psoriasi non aveva più alcun effetto già dopo una sola settimana.


Elvio Pasca
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community