Partorire

nov22020

Parto pretermine, raccomandato il clampaggio ritardato del cordone

Si sa che il clampaggio ritardato del cordone (deferred cord clamping o Dcc) può salvare la vita dei bambini. In particolare, questa pratica riduce la mortalità dei nati pretermine del 30%, nonostante ciò, pochi bambini la ricevono....
transparent

ott232020

Assistenza in sala parto, nuova indagine Sin sull’organizzazione

Il 98% dei centri italiani di rianimazione neonatale ha in sala parto l'attrezzatura appropriata, ossia un miscelatore aria/ossigeno e un saturimetro; il 91% utilizza il sistema a T, strumento idoneo per la ventilazione del neonato e il 90% ha in dotazione...
transparent
Covid-19, aumentano i parti in casa. Sin: l’ospedale rimane il luogo più sicuro dove partorire

giu82020

Covid-19, aumentano i parti in casa. Sin: l’ospedale rimane il luogo più sicuro dove partorire

Negli ultimi anni, tra le donne con gravidanza fisiologica a basso rischio, sono aumentati i parti in ambiente extraospedaliero, in particolare quello domestico. Questa tendenza, che in Italia si stima essere intorno allo 0.05-0.1%, è incrementata...
transparent
Punti nascita sotto soglia di sicurezza. Troiano (Aogoi): non chiuderli ma trasformarli

ott222014

Punti nascita sotto soglia di sicurezza. Troiano (Aogoi): non chiuderli ma trasformarli

Sono ancora 133 su 521 i punti nascita in Italia che effettuano meno di 500 parti l'anno: è uno dei dati che emergono dal Programma nazionale esiti 2014, sviluppato dall’Agenas per conto del ministero della Salute, presentato lunedì a Roma. Come spiega...
transparent
Parto a domicilio? No della Sigo: è essenziale un ambiente protetto

mag162014

Parto a domicilio? No della Sigo: è essenziale un ambiente protetto

Le donne che hanno avuto una gravidanza regolare, dal secondo parto in poi, possono scegliere di partorire in casa o in strutture dove sono presenti solo ostetriche: il consiglio, formulato dal National institute for health and clinical excellence (Nice),...
transparent
Nati a termine: rischi e differenze

ott22013

Nati a termine: rischi e differenze

Rispetto ai nati fra 39 e 41 settimane di gestazione, nei neonati di 37 o 38 settimane aumenta la morbilità, con ricoveri più frequente nelle terapie intensive neonatali (Tin) o nei servizi di neonatologia. Lo afferma uno studio su Jama Pediatrics condotto...
transparent

gen212013

Troppi cesarei in Italia, e il 43% è ingiustificato

In Italia, il 29,3% dei primi parti è eseguito con taglio cesareo, ma nel 43% dei casi l’indicazione è ingiustificata. Un dato «preoccupante», secondo Renato Balduzzi, che è emerso dall'indagine nazionale sulla appropriatezza del ricorso al cesareo
transparent
Indagine del Senato: in aumento gravidanze a rischio e assistenza non adeguata

dic182012

Indagine del Senato: in aumento gravidanze a rischio e assistenza non adeguata

Mortalità materna in diminuzione, aumento delle gravidanze a rischio e punti nascita non adeguatamente dimensionati. Sono alcuni punti rilevati dalla “Indagine conoscitiva sul percorso nascita e sulla situazione dei punti nascita”, realizzata da OsservaSalute...
transparent

nov152012

Istat: natalità ancora in calo

Gli italiani fanno sempre meno figli. Secondo i dati Istat sulla popolazione residente nel nostro Paese, nel 2011 risultano alle anagrafi 546.607 nati, circa 15mila in meno rispetto al 2010. I numeri, fa sapere l'Istituto, confermerebbero la tendenza alla diminuzione
transparent

set152011

Nascita indesiderata: la struttura sanitaria paga mantenimento figlio

Il fatto Due coniugi, per motivi inerenti alle precarie condizioni di salute della donna e per ragioni di natura economica, in occasione della quarta gestazione, si erano rivolti a una struttura ospedaliera al fine di non dover più affrontare una nuova...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>