Osteoporosi

ott22007

Latticini per le ossa degli adolescenti

Scienze dell’alimentazione-nutrizione nell’età dello sviluppo A partire dall’età di 10 anni, la restrizione autoimposta dei latticini per via di una presunta intolleranza al latte è associata ad una diminuzione del contenuto...
transparent

lug262007

Il trapianto staminale abbassa la BMD

Pediatria e neonatologia-tumori infantili Più di un terzo dei bambini e adolescenti che sono stati sottoposti a trapianto di cellule staminali allogeniche presenta una bassa BMD, ed uno su cinque di essi presenta fratture vertebrali da compressione....
transparent

giu272007

Fratture osteoporotiche: esercizio regolare riduce il rischio negli uomini anziani

Endocrinologia-metabolismo osseo L’esercizio regolare riduce il rischio di fratture osteoporotiche negli uomini anziani. I dati in merito degli studi precedenti sono poco costanti, ed era pertanto finora incerto se l’attività fisica nel...
transparent

mag232007

Chiarito ruolo tirosin-chinasi nella formazione dell’osso

Endocrinologia-metabolismo osseo La tirosin-chinasi 2 ricca in prolina (PYK2) è un fattore regolatore chiave delle cellule osteoprogenitrici e della formazione ossea, ma il meccanismo alla base del fenomeno appare diverso da quanto creduto originariamente....
transparent

apr112007

Deprivazione androgenica: elevato rischio malattie parodontali

Endocrinologia E’ già noto che la deprivazione androgenica per i tumori prostatici incrementa il rischio di osteoporosi, ma apparentemente aumenta anche quello di malattie parodontali: i medici che trattano questi pazienti dovrebbero dunque...
transparent

apr12007

Osteoporosi: identificato gene candidato

Genetica I polimorfismi nel gene del recettore DARC producono variazioni nella BMD, e possono influenzare il rischio di osteoporosi. Se questo dato, riscontrato in un modello murino, verrà confermato anche nell’uomo, sarà possibile sviluppare...
transparent

gen252007

Anziani di ambo i sessi condividono gli stessi rischi di fratture ripetute

Non vi sono differenze significative fra i sessi nel rischio assoluto di fratture ripetute in età anziana. Numerosi studi hanno dimostrato che una frattura precedente incrementa il rischio di altre fratture successive, ma finora pochi studi a lungo...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>