Ospedalizzazione

Gli antipsicotici nei pazienti con Alzheimer aumentano il rischio di ospedalizzazione

ott172019

Gli antipsicotici nei pazienti con Alzheimer aumentano il rischio di ospedalizzazione

I pazienti con malattia di Alzheimer che hanno fatto uso di medicinali antipsicotici hanno trascorso un numero cumulativo maggiore di giorni di ospedale rispetto alle persone con malattia di Alzheimer che non hanno usato tale tipo di farmaco, secondo...
transparent
Indagine Istat sulla salute nelle Regioni. Veneto e Trentino al top

set302019

Indagine Istat sulla salute nelle Regioni. Veneto e Trentino al top

Bene Veneto e Trentino Alto Adige, male la Campania e la sorpresa negativa della Valle d'Aosta. In mezzo due blocchi di regioni, che seguono il solito gradiente nord-sud. A fotografare lo stato di salute delle regioni italiane è un rapporto dell'Istat,...
transparent

gen242019

Ricoveri impropri, numeri alti per gli under 18. Pediatri sotto accusa

Pediatri lombardi e pugliesi più "colabrodo" degli altri? La domanda sorge osservando il rapporto sui dati del monitoraggio dei livelli essenziali di assistenza 2016 reso noto dal ministero della Salute, che comprende - tra i tanti argomenti -...
transparent

gen142016

Empagliflozin riduce la mortalità cardiovascolare nel diabete di tipo 2

Empagliflozin, inibitore reversibile, competitivo e selettivo del co-trasportatore sodio-glucosio 2 (SGLT-2), nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 (DM2)) è in grado di ridurre la mortalità cardiovascolare (CV), la mortalità...
transparent
Delirium, nel 25% degli anziani ospedalizzati. Trabucchi: serve più formazione per medici

ott22015

Delirium, nel 25% degli anziani ospedalizzati. Trabucchi: serve più formazione per medici

«Anche se è una condizione tipicamente transitoria, il delirium ha delle conseguenze sul paziente, ne riduce le funzioni, aumenta la mortalità, prolunga la durata dei ricoveri e comporta dei rischi di ospedalizzazioni ripetute: è...
transparent
Riammissione ospedaliera: i criteri usati da Medicare per penalizzare gli ospedali sono insufficienti

set152015

Riammissione ospedaliera: i criteri usati da Medicare per penalizzare gli ospedali sono insufficienti

Le caratteristiche dei pazienti non incluse nei metodi statistici che Medicare usa attualmente per il calcolo del rischio spiegano gran parte delle differenze nei tassi di riammissione ospedaliera. «In altre parole, il rischio di un nuovo ricovero entro...
transparent
Indagine Swg, associazioni pazienti: poco valorizzate nel Ssn

nov192014

Indagine Swg, associazioni pazienti: poco valorizzate nel Ssn

Le Associazioni dei pazienti nell'86% dei casi pensano che il loro ruolo all'interno del Ssn e nelle sedi istituzionali dove si decidono le politiche sanitarie sia poco valorizzato. E il 65% ritiene insufficiente l'attuale normativa che ne regolamenta...
transparent
Censis, italiani informati su salute ma rischio confusione da troppi dati

ott282014

Censis, italiani informati su salute ma rischio confusione da troppi dati

Gli italiani si ritengono informati sulla salute, con il medico di base che rimane la fonte principale, ma cresce la quota di quelli che temono la troppa confusione generata dall'eccesso di dati. Lo afferma il Monitor Biomedico 2014, l'indagine periodica...
transparent
Ca colorettale: tassi di riammissione non sempre connessi a qualità struttura

ott252014

Ca colorettale: tassi di riammissione non sempre connessi a qualità struttura

I tassi di riammissione in ospedale dopo un intervento chirurgico per carcinoma colorettale come misura di qualità di un ospedale dovrebbero essere usati con prudenza e includere degli aggiustamenti nel rischio. La segnalazione viene da un gruppo di ricercatori...
transparent
La qualità delle cure non sempre migliora la prognosi dei pazienti dimessi

ott172014

La qualità delle cure non sempre migliora la prognosi dei pazienti dimessi

Tra gli assistiti Medicare dimessi dagli ospedali per malati post-acuti, la qualità delle cure erogate non sempre riduce il rischio di riammissione ospedaliera o di mortalità a 30 giorni secondo uno studio pubblicato su Jama, da cui emerge che un paziente...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>