Ormoni peptidici

nov52010

Precedente trattamento con sulaniluree ed outcomes cardio-vascolari dopo IMA

Poichè l’impatto clinico dell’utilizzo dei farmaci ipoglicemizzanti orali (IGO) sugli outcomes dei pazienti che sviluppano un Infarto Miocardico Acuto (IMA) è controverso, un numeroso gruppo multidisciplinare francese ha verificato...
transparent

ott202010

Una coppia di biomarcatori-chiave per lo scompenso cardiaco

Il peptide natriuretico di tipo B e il rapporto albuminuria/creatininuria costituiscono fattori-chiave di rischio per uno scompenso cardiaco (Hf) di nuova insorgenza, e hanno un’utilità predittiva incrementale rispetto ai fattori di rischio...
transparent

ott12010

Ipocalcemia da deficit di paratormone dopo tiroidectomia totale

Soltanto il 12% dei soggetti sottoposti a tiroidectomia totale sviluppa deficienza di paratormone (Pth); di questi il 73% ritorna a una normale funzione paratiroidea entro una settimana dall’intervento e l'82% recupera una fisiologica attività...
transparent

set22010

Rischio di cancro e dosi di insulina e suoi analoghi Farmacologia

La possibilità che vi sia un'associazione tra cancro e le più alte dosi di insulina glargine suggerisce di prendere sempre in considerazione i dosaggi quando si valuta la possibile associazione tra l'insulina e i suoi analoghi con il cancro....
transparent

lug132010

Procalcitonina predittiva nelle polmoniti di comunità

Il valore iniziale di procalcitonina (Pct), misurato al momento dell’ammissione ospedaliera, predice in modo accurato la positività dell’emocoltura batterica in pazienti con polmonite acquisita in comunità (Cap). La rilevazione della...
transparent

lug62010

Esiti positivi per insulina in formulazione inalatoria

Per evitare ritardi nella terapia insulinica causati dal fastidio suscitato dalla necessità di iniettare la sostanza, è stata sviluppata una formulazione di insulina in polvere da inalare (microsfere), attualmente oggetto di un programma di...
transparent

giu72010

Cuore non a rischio se Bnp elevato dopo calo di peso

Cardiologia Non sempre un aumento dei livelli ematici del peptide natriuretico di tipo B (Bnp) indica un peggioramento di una malattia cardiaca o ha un valore prognostico negativo. Al contrario, se si registra un incremento di Bnp in soggetti che...
transparent

mag242010

Adattare Homa e Quicki ai bambini

Verificare l’opportunità di misurare la resistenza all’insulina, mediante due indici impiegati nella popolazione adulta, per lo più in indagini epidemiologiche, l’Homa (Homeostatic model assessment) e il Quicki (Quantitative...
transparent

feb112010

Metastasi ossee, scoperto ruolo chiave della relaxina

Oncologia Secondo uno studio pubblicato su Bone da un gruppo di ricercatori italiani, la relaxina svolgerebbe un ruolo fondamentale nella crescita e differenziamento dei precursori ematopoietici e, probabilmente, nell’invasività dei tumori...
transparent

gen282010

Shock settico, nessun vantaggio insulina intensiva

Endocrinologia Nessun vantaggio, in termini di mortalità ospedaliera, con terapia insulinica intensiva, rispetto alla convenzionale, in pazienti sottoposti a idrocortisone per il trattamento dello shock settico. Queste le conclusioni di uno studio...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi