Ormoni pancreatici

mag282012

Terapia insulinica iniettiva, ago corto più sicuro

Quando vengono effettuate iniezioni di insulina nei bambini, sono indispensabili chiare linee guida sulla lunghezza dell'ago più adeguata. Al Policlinico di Catania, per far sì che tali indicazioni fossero basate su evidenze, è stato effettuato uno studio...
transparent

apr162012

Ininfluente l'infusione di glucosio-insulina-potassio

La somministrazione extraospedaliera in emergenza di una soluzione endovenosa costituita da glucosio-insulina-potassio (Gik) ai pazienti con sospetta sindrome coronarica, messa a confronto con un placebo, non riduce la progressione verso l'infarto miocardico...
transparent

feb242012

HbA1c<7%: target raggiunto in modo variabile in base al farmaco

Il raggiungimento di un valore target di HbA1c inferiore al 7% è un'eventualità molto variabile a seconda delle differenti classi di farmaci antidiabetici impiegate; l'efficacia delle molecole dipende in gran parte  anche dal valore basale di HbA1c....
transparent

feb62012

Target di HbA1C raggiunto meglio iniziando prima l'insulina

I soggetti con diabete tipo 2 che iniziano ad assumere la terapia insulinica a livelli inferiori di emoglobina glicata (HbA1c) migliorano il raggiungimento del controllo glicemico e aumentano la risposta glicemica. È la strategia proposta da Gregory A....
transparent

gen132012

Bpco: mortalità fortemente ridotta con statine

L'uso di statine si associa a una riduzione del 30% della mortalità generale a distanza di 3-4 anni da un primo ricovero per broncopneumopatia cronico ostruttiva (Bpco), indipendentemente dalla presenza di una pregressa storia di malattia cardiovascolare...
transparent

nov242011

Età, sesso, etnia non riducono effetto ezetimibe sulle statine

Nei soggetti a rischio cardiovascolare (Cv) elevato o moderatamente alto, ezetimibe, in aggiunta ad atorvastatina, determina una riduzione più spiccata di colesterolemia-Ldl rispetto al raddoppio della dose di atorvastatina. Tale effetto non viene influenzato...
transparent

nov72011

Sclc, analoghi della somatostatina in aiuto alla chemio

Gli analoghi della somatostatina a lunga durata d'azione possono essere impiegati come terapia additiva in combinazione agli agenti antineoplastici nei pazienti con cancro polmonare a piccole celulle (Sclc) positivo ai recettori per la somatostatina,...
transparent

nov42011

Diabete 2, meglio esercizi più lunghi e meno intensi

Nei pazienti con diabete di tipo 2 la sensibilità all'insulina migliora maggiormente con un esercizio moderato in ipossia piuttosto che con un'attività più intensa: la durata dell'esercizio, cioè, è più rilevante della quantità totale del lavoro svolto....
transparent

ott252011

Mortalità per tutte le cause ed aumentato rischio CV con i secretagoghi dell’insulina vs metformina

In un recente studio collaborativo danese sono stati esaminati la mortalità per qualsiasi causa ed il rischio cardiovascolare (mortalità CV, endpoint composito di IMA, ictus e mortalità CV) associati all’utilizzo dei secretagoghi dell’insulina (IS) in...
transparent

ott212011

Se aumenta il Bmi si riduce l'effetto delle insuline basali

L'adiposità attenua la farmacodinamica di tutte le insuline basali nei pazienti con diabete di tipo 2. In ogni caso, se l'adiposità aumenta, l'effetto della detemir risulta inferiore rispetto alla Nph e alla glargine. La dimostrazione è stata ottenuta da...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi