Oli di pesce

Crisi epilettiche refrattarie ai farmaci: l’olio di pesce può ridurne la frequenza

set112014

Crisi epilettiche refrattarie ai farmaci: l’olio di pesce può ridurne la frequenza

Basse dosi di olio di pesce (acidi grassi omega-3), che arriva sia a livello cardiaco sia a livello cerebrale, possono ridurre la frequenza di crisi epilettiche che non rispondono più al trattamento farmacologico. «Gli acidi grassi n-3 inibiscono l’eccitabilità...
transparent

lug222014

Alimentazione ricca di acido alfa-linolenico riduce il rischio di Sla

Secondo uno studio pubblicato su Jama Neurology e coordinato da Alberto Ascherio , neuroepidemiologo alla Harvard school of public health di Boston, gli acidi grassi polinsaturi (Pufa) aiuterebbero a modulare l'infiammazione e lo stress ossidativo,...
transparent
Omega-3 farmaco generico per prevenzione cardiovascolare secondaria

giu212014

Omega-3 farmaco generico per prevenzione cardiovascolare secondaria

Un prodotto efficace per la prevenzione cardiovascolare secondaria che si inserisce bene nelle esigenze della spending review: è un nuovo farmaco equivalente a base di omega-3. «Questi ultimi» ha ricordato Roberto Volpe , lipidologo e ricercatore del...
transparent

mag202014

Omega-3 in gravidanza non migliora neurosviluppo dei neonati

L'assunzione nel periodo prenatale di integratori a base di acidi grassi omega-3 come l’acido docosaesaenoico (Dha) non ha effetti sullo sviluppo del neonato nella prima infanzia, secondo i risultati di uno studio controllato randomizzato riportati da...
transparent
Omega-3, luteina e zeaxantina non riducono rischio cardiovascolare in anziani

mar182014

Omega-3, luteina e zeaxantina non riducono rischio cardiovascolare in anziani

L’aggiunta alla dieta di integratori a base di acidi grassi polinsaturi omega-3 contenuti nel pesce, luteina e zeaxantina non riduce il rischio cardiovascolare nei pazienti anziani con degenerazione maculare età-correlata (AMD). Ecco i risultati pubblicati...
transparent
Grassi saturi: sono loro i nemici del cuore?

mar142014

Grassi saturi: sono loro i nemici del cuore?

Le diete a basso contenuto di grassi non rallentano le malattie cardiache né aiutano a vivere più a lungo: i veri nemici da combattere sono zuccheri e carboidrati. Lo afferma James DiNicolantonio , ricercatore cardiovascolare di Ithaca, New York, e autore...
transparent
Prevenzione cardiovascolare, pari rilievo omega-6 e omega-3. Conferma italiana

gen282014

Prevenzione cardiovascolare, pari rilievo omega-6 e omega-3. Conferma italiana

Entrambe le principali classi di acidi grassi polinsaturi (sia gli omega-3 ma anche gli omega-6) sono associate a una significativa riduzione del rischio coronarico; cadrebbe così l'ipotesi che l'apporto corretto di questi acidi grassi...
transparent
Aifa, nota 94: omega-3 prescrivibili dopo sindrome coronarica acuta

dic92013

Aifa, nota 94: omega-3 prescrivibili dopo sindrome coronarica acuta

L’Agenzia italiana del farmaco ha istituito una nuova nota, la numero 94, con Determina n. 1081/2013, pubblicata nella Gazzetta ufficiale n. 285 di giovedì 5 dicembre, per la prescrizione a carico del Ssn degli omega-3. La nota 94 limita la prescrivibilità...
transparent
Pesce e noci non salvano la mente

set262013

Pesce e noci non salvano la mente

Secondo uno studio di Neurology non c’è alcuna relazione tra il declino cognitivo dell’anziano e i livelli nel sangue di acido docosaesaenoico (Dha) ed eicosapentaenoico (Epa). Dice Eric Ammann , ricercatore della University of Iowa di Iowa City, e coautore...
transparent

giu52013

L’olio di pesce non giova a cuore e vasi

L’aggiunta alla dieta di acidi grassi polinsaturi n-3 (Pufa n-3) non riduce né la morbilità né la mortalità per problemi al cuore o ai vasi nei pazienti con fattori di rischio cardiovascolare. Ecco le conclusioni del Risk and prevention study collaborative...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>