dallo speciale Nutrizione33

ott222020

Clinica

Uno studio britannico correla i disturbi alimentari con il dismorfismo corporeo

Secondo quanto conclude una ricerca appena pubblicata sulla rivista Eating and Weight Disorders, che mette in relazione i disturbi alimentari con i disturbi da dismorfismo corporeo, le persone affette da patologie dell'alimentazione hanno 12 volte più...
transparent

ott222020

Clinica

Il digiuno intermittente non porta benefici cardiometabolici o di calo ponderale

Secondo uno studio pubblicato su Jama Internal Medicine, il digiuno intermittente non si associa a un calo ponderale più marcato o a maggiori benefici cardiometabolici rispetto al consumo giornaliero di pasti strutturati. «Il digiuno intermittente...
transparent

ott222020

Clinica

La colza è valida alternativa come fonte di proteine vegetali

La colza potrebbe essere una valida alternativa alla soia in quanto fonte di proteine. Un recente studio pubblicato su Nutrients mostra infatti come il consumo di proteina dei semi di colza abbia un effetto benefico sul metabolismo paragonabile a...
transparent

ott222020

Clinica

Considerare la vitamina D come medicinale può essere un problema nelle case di cura. Ecco perché

Per gli autori di uno studio pubblicato su Bmj Nutrition Prevention & Health, il fatto che nelle case di cura per gli anziani gli integratori di vitamina D siano inquadrati come medicinali, costituisce una barriera all'implementazione di linee guida...
transparent

ott82020

Clinica

Cancro del colon-retto, ecco cosa diminuisce e cosa aumenta il rischio

L'acido folico, il magnesio e i prodotti lattiero-caseari aiutano a prevenire il cancro al colon, mentre non si può affermare lo stesso per l'aglio, la cipolla, il pesce, il tè o il caffè. A dirlo è una revisione sistematica...
transparent

ott82020

Clinica

Anemia da carenza di ferro, l’Aga raccomanda l'endoscopia bidirezionale

L'American Gastroenterological Association (Aga) ha pubblicato su Gastroenterology una nuova linea guida clinica che delinea un approccio basato sull'evidenza per la valutazione gastrointestinale iniziale dell' anemia da carenza di ferro cronica in...
transparent

ott82020

Politica e Sanità

Difficoltà nel contrastare l’obesità da parte sia dei pazienti sia dei medici. Esperti e strategie a confronto

Il contrasto all' obesità nasce da un'approfondita conoscenza del problema e, in questo senso, spiccano gli utili dati dietetico-nutrizionali contenuti nell'Italian Obesity Barometer Monitor 2020 - realizzato da Ibdo Foundation in collaborazione...
transparent

ott82020

Clinica

Sensibilità allergenica alle carote, la cottura non elimina il rischio

Sembra che le carote possano portare reazioni allergiche non solo quando sono consumate crude, ma anche se mangiate cotte. Questo perché l'allergene (il Dau c 1) pur assumendo una forma innocua quando riscaldato, pare che ritorni alla sua struttura...
transparent

ott82020

Clinica

Obesità, seguire dieta mediterranea riduce la mortalità cardiovascolare

La dieta mediterranea è in grado di modificare parzialmente l'associazione tra obesità e mortalità cardiovascolare, secondo uno studio pubblicato su Plos Medicine e firmato da Karl Michaëlsson dell'Università di Uppsala,...
transparent

set242020

Appuntamenti

2° Obesity Summit, strategie mediche e politiche per contrastare i fattori di rischio sociale della malattia

L'obesità è una malattia potenzialmente mortale, ma non è riconosciuta come tale. Nonostante riduca notevolmente l'aspettativa di vita - e porti a complicanze severe sia cardiovascolari sia oncologiche - essa è marginalmente...
transparent

set242020

Clinica

Coronavirus, deficit di vitamina D aumenta il rischio. Uno studio spiega come

I risultati di uno studio retrospettivo che ha coinvolto pazienti sottoposti a test per infezione da Sars-CoV-2, mostrano l'esistenza di un'associazione tra la carenza di vitamina D e la probabilità di contrarre la malattia causata dal nuovo...
transparent

set242020

Clinica

La carne “coltivata” in laboratorio non fa presa sui giovani australiani

Secondo uno studio pubblicato su Frontiers in Nutrition, il 72% di coloro che fanno parte della "Generazione Z", ovvero i giovani tra i 18 e i 25 anni, nonostante si preoccupi per l'ambiente e il benessere degli animali, non è pronto ad accettare...
transparent


transparent
 
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>