dallo speciale Nutrizione33

mag212020

Clinica

Mirtilli, mele e tè si associano a un effetto protettivo contro l'Alzheimer

Gli ultracinquentenni che consumano ridotte quantità di alimenti ricchi di flavonoidi , come mirtilli, mele e tè, hanno probabilità da due a quattro volte maggiori di sviluppare un Alzheimer (Ad) o una demenza correlata (Adrd) nei...
transparent

mag212020

Clinica

Malattia infiammatoria intestinale, junk food aumenta il rischio. Ecco come

I cibi etichettati come "junk food" sono associati alla malattia infiammatoria intestinale (Ibd). A dirlo sono i risultati di un'analisi secondaria del National Health Interview Survey 2015, eseguita allo scopo di determinare l'apporto di cibo e la...
transparent

mag212020

Clinica

Covid-19, associazione tra i livelli di vitamina D e il numero di casi

Secondo uno studio pubblicato su Aging Clinical and Experimental Research esiste un'associazione tra i livelli medi di vitamina D in diversi paesi europei con i casi di Covid-19 e anche con i tassi di mortalità per la malattia. «In conclusione,...
transparent

mag62020

Clinica

Alti valori di acido linoleico non si associano a un aumento del rischio cardiovascolare

La presenza di elevati livelli plasmatici di acido linoleico influenza favorevolmente diversi fattori di rischio cardiovascolare, secondo uno studio di coorte pubblicato sull'European Journal of Clinical Nutrition. «Un elevato apporto di acido linoleico,...
transparent

mag62020

Clinica

Caffè filtrato si associa a minor rischio di infarto e mortalità

Secondo uno studio pubblicato su European Journal of Preventive Cardiology, il caffè filtrato è associato a minor mortalità rispetto al non filtrato o a nessun consumo di caffè. «Il nostro studio fornisce prove forti e convincenti...
transparent

mag62020

Clinica

L’obesità è un fattore di rischio di grave Covid-19. Ecco perché

Uno studio francese mostra un'alta frequenza di obesità tra i pazienti con infezione SARS-CoV-2 ricoverati in terapia intensiva. «L'obesità è un fattore di rischio per la gravità di SARS-CoV-2 che richiede una maggiore attenzione...
transparent

mag62020

Clinica

Rachitismo infantile, revisione Cochrane fa il punto su vitamina D e calcio. Ecco quando sono utili

Non è certo che il calcio da solo o associato alla vitamina D favorisca la guarigione nei bambini con rachitismo rispetto alla vitamina D da sola, né è possibile trarre conclusioni definitive sul ruolo dei diversi trattamenti in termini...
transparent

apr232020

Clinica

Dieta chetogenica possibile strategia d’intervento contro l’asma

Secondo un gruppo della University of Bonn in Germania, la dieta chetogenica potrebbe essere una strategia di intervento per trattare l'infiammazione delle vie aeree. In uno studio pubblicato su Immunity, i ricercatori, coordinati da Christoph Wilhelm...
transparent

apr232020

Clinica

Più verdure prima del concepimento per un minor rischio di parto pretermine

Un regime alimentare caratterizzato da un alto consumo di verdure prima di una gravidanza sembrerebbe associato a un minor rischio di parto prematuro. A suggerirlo è uno studio condotto da un team della University of Queensland in Australia. «Le...
transparent

apr232020

Clinica

COVID-19, pubblicato documento su malattia infiammatoria intestinale. Come gestire la pratica clinica

I pazienti con malattia infiammatoria intestinale (IBD) che sviluppano COVID-19 dovrebbero interrompere l'assunzione di tiopurine, metotrexato, tofacitinib e terapie biologiche durante la malattia virale, secondo un aggiornamento della pratica clinica...
transparent

apr92020

Clinica

Emergenza Coronavirus, consigli e ricette della dottoressa Serena Missori per trascorrere una quarantena in salute

" Restate a casa " è la regola numero uno in questo lungo periodo di quarantena, seguita dalla regola numero due: " non lasciatevi andare a pigrizia e depressione e mantenetevi in salute, in particolare se siete affetti da patologie più...
transparent

apr92020

Clinica

Flessibilità metabolica, un nuovo fenotipo che permette di predire futuri aumenti del peso corporeo

Una ridotta flessibilità metabolica alla sovralimentazione ad alto contenuto di grassi predispone gli individui all'aumento di peso, indicando che la capacità individuale di ossidare il grasso alimentare è un importante fattore metabolico...
transparent


transparent
 
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>