dallo speciale Nutrizione33

set232022

Clinica

Malattie cardiache, la dieta DASH e le ricadute su mortalità e spesa sanitaria

Molti sono i cambiamenti possibili nello stile di vita che possono ridurre gli eventi cardiovascolari, ma adottare la dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) è quello che ha l'impatto maggiore. È quanto emerge da uno studio presentato...
transparent

set232022

Clinica

Anziani e fragilità, integrare vitamina D e acidi grassi omega 3 non è utile per la prevenzione

Stando ai risultati di uno studio pubblicato su JAMA Network Open, né l'integrazione di vitamina D 3 né quella di acidi grassi omega 3 ha influenzato, rispetto al placebo, la variazione del tasso di fragilità nel tempo di un gruppo...
transparent

set232022

Clinica

Una colazione abbondante può ridurre l’appetito, ma non il peso

Secondo uno studio pubblicato su Cell Metabolism il "caricamento frontale" di calorie all'inizio della giornata non influisce sul metabolismo calorico, sebbene un'abbondante colazione mattutina faccia sentire chi la consuma meno affamato nel corso della...
transparent

set232022

Clinica

Il pesce in gravidanza fa bene alla mamma e al bambino, ecco come rivedere le attuali restrizioni

Il consiglio alle gestanti di non assumere certi tipi di pesce e di limitarne la quantità per altri andrebbe rivisto, a giudicare da quanto si legge in un articolo pubblicato su Neuro Toxicology. La ricerca fa il punto su oltre 4.131 gravide residenti...
transparent

set122022

Clinica

Covid-19, dopo l’infezione quanto persistono gli anticorpi nei bambini? Uno studio fa il punto

In una lettera di ricerca pubblicata su JAMA Pediatrics, si legge che in un gruppo di bambini non ospedalizzati di età compresa tra 0 e 16 anni, i livelli di anticorpi neutralizzanti SARS-CoV-2 hanno raggiunto un picco di circa l'84% da 1 a 3 mesi...
transparent

set92022

Clinica

Frattura d'anca, le donne vegetariane rischiano di più. Ecco perché

Da un articolo pubblicato su BMC Medicine e firmato dai ricercatori dell'Università di Leeds (Regno Unito) emerge che le donne che seguono una dieta vegetariana hanno un rischio di frattura dell'anca superiore del 33% rispetto alle coetanee che...
transparent

set92022

Politica e Sanità

Etichettatura alimenti, il grado di lavorazione conta come la qualità nutrizionale

I risultati di uno studio tutto italiano suggeriscono che quando si tratta di "etichettare" i prodotti alimentari in merito al loro effetto sulla nostra salute, non vanno solo considerate le caratteristiche nutrizionali, ma anche il loro grado di lavorazione....
transparent

set92022

Clinica

Il peso del bambino è legato al metabolismo dei grassi della madre a inizio gestazione

Secondo uno studio pubblicato su Lancet Diabetes & Endocrinology svolto dai ricercatori del Nuffield Department of Women's & Reproductive Health all'Università di Oxford in collaborazione con i colleghi dell'Università di California...
transparent

set92022

Clinica

Sindrome di Down, ecco cosa preferiscono mangiare i bambini

Un recente studio pubblicato su Journal of Texture Studies ha preso in esame i bambini con sindrome di Down, presso le rispettive abitazioni, in merito ai comportamenti durante i pasti. «Vogliamo aiutare le persone a capire quali consistenze alimentari...
transparent

lug222022

Clinica

Aggiungere il sale al cibo aumenta il rischio di morte prematura. Ecco le prove più recenti

Secondo uno studio pubblicato sull'European Heart Journal, le persone che aggiungono sale al cibo a tavola corrono un rischio maggiore di morire prematuramente per qualsiasi causa. «Il nostro studio fornisce nuove prove a sostegno delle raccomandazioni...
transparent

lug222022

Clinica

Metabolomica non mirata, da sangue e feci è possibile capire la dieta di una persona e i suoi effetti

Un nuovo metodo analitico chiamato metabolomica non mirata è in grado di identificare un numero fino a poco tempo fa impensabile di molecole derivate dal cibo nel sangue e nelle feci umane. Il metodo, descritto su Nature Biotechnology, ha abbinato...
transparent

lug222022

Clinica

L’integrazione con colecalciferolo in gravidanza riduce il rischio di eczema nei bambini

Uno studio appena pubblicato sul British Journal of Dermatology e firmato dai ricercatori dell'Università di Southampton nel Regno Unito conclude che assumere in gravidanza integratori a base di vitamina D può ridurre il rischio di eczema...
transparent


transparent
 
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi