Noci

mag212019

Le noci possono abbassare la pressione centrale e quindi il rischio cardiovascolare

Mangiare noci può aiutare a ridurre la pressione sanguigna nelle persone a rischio di malattie cardiovascolari, soprattutto se in combinazione con una dieta a basso contenuto di grassi saturi, secondo un nuovo studio della Pennsylvania State University,...
transparent
Mangiare adeguate quantità di noci può ridurre il rischio di fibrillazione atriale

mag82018

Mangiare adeguate quantità di noci può ridurre il rischio di fibrillazione atriale

Secondo un ampio studio svedese pubblicato su Heart, il consumo di noci diverse volte alla settimana potrebbe aiutare a ridurre il rischio di fibrillazione atriale (FA) e forse anche di insufficienza cardiaca. «Precedenti studi hanno suggerito che mangiare...
transparent
L’allergia alle noci nei bambini è meno minacciosa di quanto sembra

mar302017

L’allergia alle noci nei bambini è meno minacciosa di quanto sembra

I test di provocazione per le noci (TN) sono spesso negativi nei pazienti sensibilizzati ma senza storia di reattività nonostante la positività agli skin prick test di almeno 3 mm o un livello di IgE sieriche per il test di almeno 2 kUA/L....
transparent

mar92015

Consumo di arachidi riduce mortalità: come con le noci, però a costi inferiori

Mangiare noci e noccioline si associa a un ridotto rischio di mortalità generale e cardiovascolare in gruppi etnici diversi e fra le persone di basso livello socioeconomico. «Il che suggerisce che le arachidi, proprio a causa della loro convenienza...
transparent

giu42014

Le noci proteggono il cuore, ma non servono contro il diabete

Un maggiore consumo di noci si associa a un rischio ridotto di malattia coronarica e ipertensione, ma non di ictus o di diabete di tipo 2. Ecco, in sintesi, le conclusioni di uno studio cinese pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition e coordinato...
transparent

dic182013

Le noci proteggono da morte e malattie

Mangiando noci si muore meno? Sembra di sì, dalle conclusioni di uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine coordinato da Charles Fuchs , direttore della Gastroenterologia oncologica al Dana–Farber cancer institute di Boston. Una manciata...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community