Necrosi

Giornata mondiale per il cuore, essenziali prevenzione e controlli regolari

set272014

Giornata mondiale per il cuore, essenziali prevenzione e controlli regolari

Quattro casi di infarto su cinque potrebbero essere prevenuti adottando corretti stili di vita, mantenendo un sano peso corporeo, seguendo una dieta sana, non fumando, moderando il consumo di alcolici e facendo regolare attività fisica. A mostrarlo è...
transparent
Infarto miocardico, la polipillola migliora aderenza terapeutica

set252014

Infarto miocardico, la polipillola migliora aderenza terapeutica

Nella prevenzione secondaria dopo infarto miocardico acuto, la giovane età, la depressione e un trattamento con molti farmaci si associano a una bassa aderenza alla terapia, che invece aumenta nei soggetti con elevati livelli di copertura assicurativa...
transparent
Le fibre prolungano la vita degli infartuati

mag22014

Le fibre prolungano la vita degli infartuati

Chi sopravvive a un attacco di cuore vive più a lungo se segue una dieta ricca di fibre. Ecco, in sintesi, le conclusioni di uno studio pubblicato sul British Medical Journal e coordinato dal Dipartimento di epidemiologia della Harvard School of Public...
transparent

apr222014

Infarto: a Firenze il punto sulle nuove tecniche

Si è svolta alla fine di marzo a Firenze la XXXI edizione del Congresso “Conoscere e curare il cuore”, organizzata dal Centro lotta contro l’infarto – Fondazione Onlus, nel corso del quale sono stati presentati alcuni importanti studi: uno condotto con...
transparent
Nella cura dell’infarto aderenza a linee guida si legge nelle statistiche

gen242014

Nella cura dell’infarto aderenza a linee guida si legge nelle statistiche

Secondo uno studio su The Lancet, la sopravvivenza a un attacco di cuore è di gran lunga minore nel Regno Unito che in Svezia. Il che, tradotto in numeri, significa che se negli ultimi sette anni i pazienti britannici avessero ricevuto le stesse cure...
transparent
L’infarto fuori orario miete più vittime

gen232014

L’infarto fuori orario miete più vittime

Secondo i dati di uno studio pubblicato sul Bmj, nei pazienti con attacchi cardiaci che arrivano in ospedale di notte o nei fine settimana la mortalità è maggiore, e la cura in urgenza richiede più tempo rispetto a chi giunge in orario normale. «La presentazione...
transparent
Le microparticelle limitano i danni dell’infarto

gen222014

Le microparticelle limitano i danni dell’infarto

Secondo uno studio preclinico condotto in collaborazione tra la Northwestern Feinberg School of Medicine di Chicago e l'Università di Sydney in Australia, l’iniezione endovenosa di microparticelle entro 24 ore da un attacco di cuore dimezza il danno...
transparent

gen152014

Il sodio nei farmaci favorisce infarti e ictus

Le preparazioni effervescenti, dispersibili o solubili contenenti sodio aumentano il rischio di eventi cardiovascolari rispetto alle normali compresse dei medesimi farmaci, dice Jacob George , farmacologo al Ninewells hospital and medical school di Dundee,...
transparent
Il dolore nell’infarto non basta per la diagnosi

nov272013

Il dolore nell’infarto non basta per la diagnosi

Le caratteristiche sesso specifiche del dolore da infarto miocardico acuto (IMA) sono di scarsa utilità nella diagnosi precoce, almeno secondo uno studio apparso su JAMA Internal Medicine. «Anche se il 90 per cento delle persone con IMA si presentano...
transparent
Troponina ad alta sensibilità, cut-off da diversificare tra i sessi

set62013

Troponina ad alta sensibilità, cut-off da diversificare tra i sessi

Rispetto agli uomini, le donne con sospetta sindrome coronarica acuta (Sca) hanno maggiori probabilità di essere sottodiagnosticate e sottotrattate per infarto del miocardio (Im). Il dosaggio della troponina cardiaca ad alta sensibilità (hs-cTn), che...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community