Motivazione

Metabolismo, un nuovo enzima rivoluzionerà i cibi del futuro

dic22014

Metabolismo, un nuovo enzima rivoluzionerà i cibi del futuro

Si chiama Ampk ed è il composto chiave che sblocca, regola e stimola il metabolismo del corpo umano. Lo ha appena scoperto il Nestlé Institute of Health Sciences (Nihs), che ha pubblicato un apposito studio su Chemistry & Biology. Secondo gli esperti,...
transparent
Palma (Cnop): con psicologo di base ci sarebbero risparmi

apr222014

Palma (Cnop): con psicologo di base ci sarebbero risparmi

Si passi dagli attuali 6 mila psicologi che operano nel Servizio sanitario nazionale ad almeno 9 mila: la proposta dell’istituzione di uno “psicologo di base”, avanzata dal presidente del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi (Cnop) Giuseppe...
transparent
Agenti chimici a contatto con cibi: nemici della salute

feb212014

Agenti chimici a contatto con cibi: nemici della salute

I composti chimici sintetici usati nei processi di preparazione, trasformazione, conservazione e confezionamento dei prodotti alimentari potrebbero essere dannosi nel lungo periodo per la salute umana, avvertono i ricercatori del Food Packaging Forum...
transparent
Siia: controllo pressorio solo nel 30% dei casi, serve un piano

gen212013

Siia: controllo pressorio solo nel 30% dei casi, serve un piano

Oltre il 30% degli adulti del nostro Paese è affetto da ipertensione arteriosa, con picchi di oltre il 70% negli ultrasettantacinquenni. Dato il costante aumento dell’aspettativa di vita in Italia, si stima che nel 2020, dagli attuali 15-18.000.000, si...
transparent

feb242012

HbA1c<7%: target raggiunto in modo variabile in base al farmaco

Il raggiungimento di un valore target di HbA1c inferiore al 7% è un'eventualità molto variabile a seconda delle differenti classi di farmaci antidiabetici impiegate; l'efficacia delle molecole dipende in gran parte  anche dal valore basale di HbA1c....
transparent

nov162011

Ipolipemizzanti: gap europeo tra linee guida e pratica clinica

Una quota elevata di pazienti europei affetti da sindrome metabolica e ad alto rischio cardiovascolare non raggiunge gli obiettivi dei trattamenti ipolipemizzanti. Esiste infatti un “gap” sostanziale tra le linee guida e la loro applicazione nella pratica...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi