MICROBIOTA INTESTINALE

lug222021

Celiachia: modifiche del microbioma intestinale precedono la malattia in neonati a rischio

Maggiore abbondanza di specie pro-infiammatorie e riduzione di specie protettive e antinfiammatorie sono le modifiche del microbioma intestinale che precedono la comparsa della celiachia . Questo è quanto emerge dallo studio Celiac Disease, Genomic,...
transparent
Gli alimenti fermentati modificano il microbioma intestinale e riducono l'infiammazione. Ecco come

lug222021

Gli alimenti fermentati modificano il microbioma intestinale e riducono l'infiammazione. Ecco come

Un'alimentazione contenente cibi fermentati aumenta da un lato la biodiversità microbica intestinale e dall'altro riduce i biomarcatori d'infiammazione, secondo un articolo firmato dai ricercatori della Stanford School of Medicine e pubblicato...
transparent

lug82021

Il microbiota intestinale varia con la dieta e ha un effetto sul bilancio energetico

Secondo uno studio pubblicato su Nature, una dieta a bassissimo contenuto calorico può alterare significativamente la composizione del microbiota presente nell'intestino umano. «Per la prima volta, siamo stati in grado di dimostrare che una dieta...
transparent
Il cibo per il microbiota nascosto nei vegetali verdi

mag132021

Il cibo per il microbiota nascosto nei vegetali verdi

In uno studio pubblicato su Isme Journal, ricercatori provenienti da Austria, Germania e Italia, hanno analizzato come i microbi nell'intestino processano il solfochinovosio, un monosaccaride solfonato presente nei vegetali verdi . Dall'analisi è...
transparent

apr222021

Carne, alcol, zuccheri e cibi trasformati inducono un microbioma intestinale infiammatorio

Secondo uno studio firmato dai ricercatori dell'Università olandese di Groningen e pubblicato sulla rivista Gut, un elevato apporto dietetico di prodotti animali, alimenti trasformati, alcol e zucchero induce la formazione di un microbioma intestinale...
transparent
Variazioni nel microbioma intestinale potrebbero predire la gravità di Covid-19

mar12021

Variazioni nel microbioma intestinale potrebbero predire la gravità di Covid-19

Secondo uno studio pubblicato su Plos One, e portato avanti da ricercatori dell'Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma e dell'Irccs Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, alcune alterazioni del microbioma intestinale...
transparent

feb112021

Il microbioma intestinale produce sostanze in grado di influenzare il benessere psicologico

Uno studio italiano dimostra l'importanza della comunicazione tra encefalo e microbiota , sottolineando il ruolo modulatorio di alcuni batteri intestinali, i cosiddetti psicobiotici, nel trattamento dei disturbi del sistema nervoso centrale. «I primi...
transparent
Malattia infiammatoria intestinale, uno sguardo al microbioma per prevedere la risposta alla terapia

gen292021

Malattia infiammatoria intestinale, uno sguardo al microbioma per prevedere la risposta alla terapia

Il microbioma intestinale dei pazienti con malattia infiammatoria intestinale (Ibd) potrebbe predire se la terapia con infliximab avrà successo o meno, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Crohn's and Colitis. Infliximab è un...
transparent
Se il microbioma intestinale è alterato sale il rischio di sviluppare Covid-19 in forme gravi

gen152021

Se il microbioma intestinale è alterato sale il rischio di sviluppare Covid-19 in forme gravi

Secondo una revisione della letteratura pubblicata su mBio, una cattiva salute intestinale potrebbe influire negativamente sulla prognosi di Covid-19. «La disfunzione e la permeabilità intestinale associate a microbioma alterato possono acuire...
transparent
Malattie cardiometaboliche, microbioma intestinale di chi mangia sano riduce il rischio

gen132021

Malattie cardiometaboliche, microbioma intestinale di chi mangia sano riduce il rischio

Una dieta ricca di alimenti sani e di origine vegetale è legata alla presenza e all'abbondanza di microbi intestinali associati a un minor rischio di sviluppare obesità, diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari, secondo uno studio...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi