Medicina Interna

nov272017

Prevenzione dell’arresto cardiaco improvviso negli atleti: lo screening è poco efficace

I programmi di diagnosi precoce per il tempestivo riscontro di cardiopatie non sono efficaci per prevenire l'arresto cardiaco improvviso negli sport agonistici, secondo le conclusioni di uno studio appena pubblicato sul New England Journal of Medicine,...
transparent

nov272017

Epatite B, pubblicate in USA le nuove linee guida per la pratica clinica

Una linea guida di pratica clinica congiunta sull'epatite B dell'American College of Physicians (ACP) e dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) è stata pubblicata su Annals of Internal Medicine. Secondo gli autori, l'epatite B dovrebbe...
transparent

nov102017

Degenerazione della retina: si apre la strada a una nuova via di terapia

I risultati di uno studio pubblicato su Neuroscience mostrano che attraverso il blocco di uno specifico recettore è possibile proteggere le cellule ganglionari retiniche, messe in pericolo da diverse patologie, salvando la vista, e aprono la strada...
transparent

nov102017

Epatite C, trattamento con antivirali ad azione diretta e rischio steatosi epatica

Secondo uno studio presentato al The Liver Meeting 2017, in quasi la metà dei pazienti con epatite C che hanno raggiunto una risposta virologica sostenuta dopo il trattamento con antivirali ad azione diretta si è evidenziata steatosi. «Il...
transparent

nov102017

Gonorrea, reintroduzione di cefixime rallenta insorgenza di resistenza ai nuovi trattamenti

Cefixime, un farmaco utilizzato nel passato per la gonorrea, potrebbe costituire un'efficace alternativa ai trattamenti attuali contro la stessa malattia per aiutare i medici a combattere l'emergenza della resistenza antimicrobica, afferma uno studio...
transparent

nov102017

L’infiammazione sistemica nella mezza età collegata a problemi cognitivi in età avanzata

Un nuovo studio pubblicato Neurology fornisce ulteriori prove del fatto che l'infiammazione sistemica nella mezza età possa contribuire alla perdita di volume del cervello e a problemi cognitivi più tardi nella vita. In un grande campione...
transparent

nov102017

Cancro gastrico, uso prolungato di Ppi associato ad aumento del rischio

Secondo uno studio pubblicato su Gut l'uso a lungo termine degli inibitori di pompa protonica (Ppi), farmaci usati contro il reflusso acido, si associa a un aumento di oltre due volte del rischio di cancro allo stomaco. «Le probabilità aumentano...
transparent

nov102017

Ipertensione, seguire una dieta speziata riduce il consumo di sale

Secondo uno studio pubblicato su Hypertension, i cinesi che mangiano piccante assumono meno sale e hanno valori pressori più bassi rispetto ai coetanei che seguono diete meno speziate, fatto che potenzialmente riduce il rischio di ictus e attacchi...
transparent

nov102017

Malattie aterosclerotiche, aumento della tiroxina libera associata a eccesso di rischio

Livelli elevati, ma anche ai limiti superiori della norma, di tiroxina libera (FT4) si associano a maggiori probabilità di decessi legati a vasculopatie aterosclerotiche nelle persone anziane e di mezza età, secondo uno studio appena pubblicato...
transparent

ott212017

Diabete gestazionale ed eventi cardiovascolari: c’è un aumento del rischio, ma

Una storia di diabete gestazionale è stata associata a un modesto aumento del rischio a lungo termine di malattia cardiovascolare nelle donne in un nuovo studio pubblicato su JAMA Internal Medicine, anche se il tasso assoluto di malattie cardiovascolari...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community