Medicina Interna

mag102020

Un semplice "sniff test" prevede il recupero dei pazienti con gravi lesioni cerebrali

Da uno studio pubblicato su Nature emerge che la capacità di rilevare gli odori è un fattore predittivo sia della capacità di recupero sia della sopravvivenza a lungo termine nei pazienti con gravi lesioni cerebrali. «Un semplice...
transparent

mag102020

Negli uomini più anziani con sarcopenia aumenta il rischio di sviluppare il diabete

Le modifiche della massa magra legate all'età sono direttamente correlate al rischio di diabete tipo 2 negli uomini ma non nelle donne, almeno secondo quanto conclude uno studio appena pubblicato sul Journal of the Endocrine Society. Tra i partecipanti...
transparent

mag102020

Inibitori SGLT2, una possibile protezione contro problemi renali nel diabete

Gli inibitori del co-trasportatore Sodio-Glucosio di tipo 2 (SGLT2), potrebbero aiutare i pazienti affetti da diabete di tipo 2 a diminuire il rischio di problemi renali. In un nuovo studio, questi farmaci sono stati associati a un rischio ridotto di...
transparent

mag102020

Covid-19, come minimizzare le complicazioni quando si usano le lenti a contatto

Un articolo pubblicato su Contact Lens and Anterior Eye espone diverse considerazioni, accompagnate da indicazioni per i professionisti, in merito all'utilizzo di lenti a contatto durante la pandemia COVID-19. Come specificato da Lyndon Jones , della...
transparent

mag102020

Personale sanitario e Covid-19: ampliare i criteri di screening per migliorare la capacità diagnostica

Ampliare i criteri di screening dei sintomi COVID-19 includendo mialgie e brividi potrebbe identificare un maggior numero di personale sanitario (HCP) con la malattia, secondo una lettera di ricerca comparsa su JAMA e firmata da Eric Chow dei CDC di...
transparent

apr272020

Solo in alcuni casi la polmonite da COVID 19 è simile all’ARDS

Pur rientrando nella definizione di sindrome da distress respiratorio dell'adulto (ARDS) la polmonite da COVID-19 è una malattia specifica con caratteristiche distintive, secondo quanto afferma un editoriale pubblicato su Intensive Care Medicine...
transparent

apr272020

Rischio cardiaco con clorochina e idrossiclorochina nel COVID-19

Anche se la clorochina e l'idrossiclorochina sono attualmente utilizzate per trattare certi pazienti con COVID-19, alcuni esperti ricordano che non ci sono ancora prove da studi randomizzati controllati in questo contesto, mentre esistono preoccupazioni...
transparent

apr272020

Obesità, un rischio per grave COVID-19 nei più giovani

I dati emersi da 3 studi mostrano che l'obesità è uno dei maggiori fattori di rischio per grave COVID-19 nei pazienti con meno di 60 anni. In uno di questi, pubblicato su Obesity, il gruppo co-diretto da François Pattou ha esaminato 124...
transparent

apr272020

Rianimazione cardiopolmonare nei pazienti con COVID-19, ecco le indicazioni Usa

L'American Heart Association (AHA) e altre sette società mediche hanno pubblicato su Circulation un documento informativo sul trattamento dei pazienti in arresto cardiaco con sospetto o confermato COVID-19, concentrandosi sulla riduzione dell'esposizione...
transparent

apr102020

Limitato dall’EMA l’uso di fosfomicina orale e intramuscolare

Dopo una revisione da parte del Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP), l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) raccomanda alcune modifiche sull'uso di antibiotici a base di fosfomicina, inclusa quella di sospendere l'uso di formulazioni pediatriche...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>