Medicina Interna

nov52010

I beta-bloccanti nella BPCO: non solo non sono dannosi ma addirittura paiono utili

è nota la perplessità dei clinici quando, per ragioni cardiovascolari, debbono utilizzare i beta-bloccanti nei pazienti con BPCO. Nell’ultimo numero degli Archives of Internal Medicine un gruppo olandese dell’Università di...
transparent

nov52010

TEV e riacutizzazione di BPCO

Gli autori dello studio hanno sottoposto tutti i pazienti ospedalizzati per BPCO riacutizzata giunti consecutivamente alla loro osservazione ad angio-TC e a esame ultrarsonografico per evidenziare la presenza di tromboembolismo venoso [TEV] o di embolia...
transparent

nov52010

Indicatori per migliorare la qualità delle cure sanitarie

Gli indicatori di qualità nei servizi sanitari sono comunemente utilizzati per migliorare le cure mediche erogate, per orientare il pagamento delle prestazioni svolte, per promuovere la trasparenza e la responsabilità degli operatori Gli...
transparent

nov52010

La scarsa attività fisica predispone i giovani all’ipertensione

I fattori di rischio cardiovascolare sono meno rappresentati tra i giovani che di solito praticano attività fisica più frequentemente rispetto agli adulti. Ma negli ultimi anni si stanno diffondendo anche tra gli adolescenti stili di vita...
transparent

nov52010

MGUS a catene leggere: uno studio di coorte con suggerimenti di comportamento clinico

La gammopatia monoclonale di incerto significato (MGUS) è una condizione definita dalla presenza di una proteina monoclonale (M-proteina) nel siero inferiore a 3 gr/dL, con meno del 10% di plasmacellule nel midollo, in assenza di ipercalcemia e...
transparent

nov52010

Fattori di rischio per il tromboembolismo venoso

Diversi studi epidemiologici hanno suggerito un’associazione fra i fattori di rischio per la malattia aterosclerotica e il tromboembolismo venoso (TEV). Holst e collaboratori hanno valutato l’associazione fra i fattori di rischio cardiovascolare...
transparent

nov52010

Fumo passivo e rischio cardiovascolare negli anziani

Il basso livello di fumo passivo non aumenta il rischio cardiovascolare negli anziani. A questa conclusione arrivano i ricercatori dell’University College of London che hanno recentemente pubblicato i risultati di uno studio prospettico nel quale...
transparent

nov52010

Gli Steroidi nella riacutizzazione della BPCO

Nelle riacutizzazioni di BPCO è prassi comune l’utilizzo di alte dosi di corticosteroidi per via endovenosa. Un recente contributo americano pubblicato su JAMA del 16 Giugno u.s., ha verificato se tale prassi fosse corretta ed efficace, mettendola...
transparent

nov52010

I trattamenti biologici dell’artrite reumatoide: una revisione della letteratura

Alcuni colleghi dell’Università di Leeds hanno effettuato una revisione della letteratura a proposito degli ormai codificati ed utilizzati trattamenti biologici per l’artrite reumatoide. Utilizzando i comuni motori di ricerca medica,...
transparent

nov52010

L’uso degli score in medicina: l’esempio dell’ABCD(2) nella valutazione prognostica dei TIA

Uno dei problemi gestionali di maggiore frequenza nel Pronto Soccorso è sicuramente quello relativo ai TIA: dimettere il paziente con prosecuzione degli accertamenti in regime ambulatoriale o ricoverarlo? La domanda sottende ovviamente la ricerca...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>