Medicina Interna

nov52010

Stenting o endoarteriectomia carotidea?

Un gruppo di ricercatori del Cardiovascular Center dell’Università del Michigan ha confrontato la sicurezza a breve e medio termine e l'efficacia della endoarteriectomia carotidea in paragone allo stenting dell’arteria carotidea in una...
transparent

nov52010

Sonno e ipertensione: età, genere, rapporti con la menopausa

Le irregolarità del sonno, sia in termini di durata (meno di 6 ore, ma anche più di 9 ore) sia di qualità, impattano sulla prevalenza e sulla severità delle malattie cardiovascolari e possono giocare un ruolo rilevante nel determinare...
transparent

nov52010

La Metformina riduce la mortalità nei pazienti con diabete e aterotrombosi

Dall’analisi dei sottogruppi del Registro REACH (REduction of Atherothrombosis for Continued Health), presentata il 1 luglio alla Scientific Sessions dell’American Diabetes Association (ADA) 2010, nei pazienti con diabete e malattia aterotrombotica...
transparent

nov52010

Ipertensione grave acuta, insufficienza renale ed eventi cardiovascolari

Pochi sono i dati in letteratura riguardanti la prognosi di pazienti con ipertensione grave acuta e insufficienza renale. Szezech e coll., in uno studio retrospettivo, hanno valutato 1.566 soggetti giunti in ospedale con valori pressori >180/110 mmHg...
transparent

nov52010

In calo l’incidenza di infarto miocardico acuto

L’infarto miocardico acuto (IMA) è una delle più frequenti e più temute cause di mortalità tra gli adulti del mondo occidentale. La sua patogenesi multifattoriale ne ha reso sempre difficile la prevenzione in quanto il mondo...
transparent

nov52010

Omocisteinemia e rischio cardiovascolare

è nota l’associazione fra aumentati livelli di omocisteinemia e incrementato rischio di eventi cardiovascolari. Non è invece ancora chiarito se la riduzione dell’iperomocisteinemia indotta da un supplemento vitaminico rappresenti...
transparent

nov52010

L’aterosclerosi progredisce più velocemente nel diabete rispetto alla sindrome metabolica

Diabete Mellito (DM) e Sindrome Metabolica (SM) sono rispettivamente uno dei più potenti fattori di rischio e un cluster di fattori maggiori di rischio che espongono i soggetti portatori a una elevata incidenza di eventi cardiovascolari. Ancora...
transparent

nov52010

Leucemia mieloide cronica (LMC): nuove frontiere della “targeted therapy”

Il bersaglio della terapia della LMC è rappresentato dal gene di fusione Bcr-Abl che conferisce alla malattia stessa la sua peculiarità e il vantaggio delle cellule patologiche sulle sane: non vi è malattia senza traslocazione e non...
transparent

nov52010

Bisfosfonati e cancro mammario

Partendo dall’osservazione che i bisfosfonati assunti per via endovenosa possono avere una efficacia antineoplastica nei riguardi del cancro della mammella, gli AA di questo lavoro hanno voluto verificare se anche la somministrazione di questi composti...
transparent

nov52010

Bloccanti del Recettore dell’Angiotensina (ARBs) e aumentata incidenza di cancro

Studi sperimentali hanno ipotizzato il coinvolgimento del sistema renina-angiotensina, in particolare dell'angiotensina II, nella regolazione della proliferazione cellulare, dell’angiogenesi e nella progressione del tumore. Nel 2003 lo Studio CHARM...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community