Medicina Interna

nov92020

Coovid-19: nessun aumento di rischio nei pazienti trattati con sartani e Ace-inibitori

Nei pazienti in cura con Ace-inibitori o sartani non aumentano né la gravità né il rischio di morte per infezione da Sars-CoV-2, secondo uno studio su Vascular Pharmacology cui hanno preso parte 33 centri italiani della Collaborazione...
transparent

nov92020

Artrite reumatoide, un biomarcatore potrebbe prevedere la risposta ai farmaci Dmard

Secondo un nuovo studio pubblicato su Nature Communications, è possibile prevedere la risposta di un paziente con artrite reumatoide ai farmaci anti-reumatici modificanti la malattia (Dmard) attraverso specifici biomarcatori, i mediatori specializzati...
transparent

nov92020

Un batterio legato al consumo di cibi di origine animale amico di cuore e vasi

Batteri del genere Bilophila, comunemente presenti nell'intestino, e a volte associati a infiammazione, ascessi, malattie intestinali e cancro, potrebbero avere un ruolo nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, secondo uno studio pubblicato su...
transparent
Al contrario dei comuni virus influenzali Covid-19 non sembra essere stagionale. Lo studio

ott262020

Al contrario dei comuni virus influenzali Covid-19 non sembra essere stagionale. Lo studio

Da uno studio su pubblicato Nature emerge che, al contrario dei comuni virus influenzali che tendono a essere stagionali, il Covid-19 dura tutto l'anno: in altri termini, Sars-CoV-2 non sembra risentire di temperatura e umidità ambientale, proprio...
transparent

ott262020

Negli anziani con scompenso di cuore è frequente la polifarmacia. Ecco i rischi

La polifarmacia , definita come l'assunzione di 10 o più farmaci, è comune al momento del ricovero e della dimissione ospedaliera tra gli anziani con insufficienza cardiaca, secondo uno studio appena pubblicato online sulla rivista Circulation:...
transparent

ott262020

Covid-19, in terapia intensiva la presenza di un danno renale si lega a un alto rischio di morte

Uno studio appena pubblicato sulla rivista Anaesthesia evidenzia la presenza di un elevato rischio di morte nei pazienti Covid-19 in terapia intensiva con malattia renale cronica (Ckd) preesistente o con un'insufficienza renale acuta (Aki) secondaria...
transparent

ott262020

Anziani e Covid-19: uguale rischio di infezione, esiti più gravi

Dall'analisi della situazione Covid-19 in Giappone, Spagna e Italia, un gruppo di ricerca giapponese suggerisce che l'età avanzata non aumenta la suscettibilità all'infezione da Sars-CoV-2. Tuttavia, gli anziani di questi tre paesi che...
transparent

ott262020

Cancro del tratto gastrointestinale superiore, tecniche diagnostiche a confronto

Sulla base dei dati di uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine, la linked color imaging (Lci) è una tecnica più efficace di quella che utilizza la luce bianca (white light imaging o Wli) per rilevare i tumori di faringe, esofago...
transparent

ott132020

Stigma clinico dell'obesità, un pregiudizio difficile da estirpare e che accomuna pazienti e camici bianchi

L' obesità non è solo una grave patologia internistica che coinvolge, con le sue complicanze, molte specialità mediche, ma spesso è sottostimata dai medici che possono non trattarla in modo adeguato. Questo probabilmente dipende...
transparent
Covid-19, l’infarto è frequente nei pazienti critici. Ecco i dati

ott122020

Covid-19, l’infarto è frequente nei pazienti critici. Ecco i dati

Secondo un nuovo studio apparso sul British Medical Journal, l'arresto cardiaco è comune nei pazienti critici con Covid-19 ed è anche associato a scarsa sopravvivenza, soprattutto tra gli over 80. «Questi risultati possono aiutare a guidare...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>