Malattie

Sindrome dell'intestino corto, patologia rara che richiede una diagnosi tempestiva e una rete assistenziale nazionale

apr82021

Sindrome dell'intestino corto, patologia rara che richiede una diagnosi tempestiva e una rete assistenziale nazionale

Una malattia rara, che si stima abbia una prevalenza fra 0,4 e 6 casi ogni milione di abitanti, che però non è riconosciuta come tale dalla sanità italiana, impedendo così la nascita di una rete di assistenza uniforme sul territorio....
transparent
Malattie rare, nasce AlexiOnRare: la piattaforma digitale per discutere sulle sfide attuali e future

mar12021

Malattie rare, nasce AlexiOnRare: la piattaforma digitale per discutere sulle sfide attuali e future

Una piattaforma digitale per favorire il dialogo tra gli esperti sulle tematiche chiave relative alle malattie rare attraverso contenuti dinamici e interattivi. Questo l'obiettivo di AlexiOnRare.it, l'hub digitale lanciato da Alexion in occasione della...
transparent
Malattie croniche, con Covid-19 diminuita la continuità terapeutica del 40%

ott122020

Malattie croniche, con Covid-19 diminuita la continuità terapeutica del 40%

Da marzo scorso la continuità terapeutica delle malattie croniche è stata colpita dal Covid-19 e l'impiego di alcune terapie farmacologiche - soprattutto quelle di patologie asintomatiche e preventive - si è ridotto bruscamente....
transparent
Dal morbillo all’obesità, le emergenze sanitarie 2019 secondo l’Oms

gen72020

Dal morbillo all’obesità, le emergenze sanitarie 2019 secondo l’Oms

Sul pianeta ormai 2,3 miliardi di persone sono in sovrappeso o obese, 50 milioni di anziani convivono con Alzheimer, fumo e alcol continuano a uccidere: è questo, per l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), il ritratto della popolazione...
transparent
Mortalità cardiovascolare, da studio Accord nuovi elementi sui pazienti diabetici

dic152014

Mortalità cardiovascolare, da studio Accord nuovi elementi sui pazienti diabetici

Analizzando su The Lancet i dati dello studio Accord, Action to control cardiovascular risk in diabetes, Hertzel Gerstein della McMaster university di Hamilton, Canada, e colleghi concludono che nei pazienti diabetici lo stretto controllo glicemico...
transparent

dic92014

Mezzo milione di casi di cancro sono dovuti all’obesità

Secondo le stime pubblicate sulla rivista Lancet oncology da un gruppo diretto da Melina Arnold dell’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro di Lione (Iarc), il sovrappeso in età adulta è responsabile di circa 481.000 nuovi casi di cancro l'anno,...
transparent
Linee guida Nice su cancro: aggiornamenti su segni e sintomi per diagnosi precoci

dic62014

Linee guida Nice su cancro: aggiornamenti su segni e sintomi per diagnosi precoci

In Inghilterra ancora non si fa abbastanza per identificare il cancro e trattarlo in stadio precoce. Per questo il Nice (National institute for health and care excellence) britannico sta aggiornando le sue linee guida in materia per inserire una serie...
transparent
Report Istat, malattie cardiovascolari ancora prima causa di morte in Italia

dic52014

Report Istat, malattie cardiovascolari ancora prima causa di morte in Italia

Le malattie cardiache e vascolari si confermano le principali cause di morte in Italia. È quanto emerge dai dati dell’ultimo Report dell’Istat. Dei 613.520 decessi che si sono avuti nel 2012, in aumento per l’invecchiamento della popolazione, 75.098 sono...
transparent
L’obesità è responsabile di 500.000 casi di cancro nel mondo

dic32014

L’obesità è responsabile di 500.000 casi di cancro nel mondo

Il sovrappeso negli adulti causa circa 481.000 nuovi casi di cancro l'anno, cioè il 3,6% della casistica mondiale, secondo le stime pubblicate su The Lancet oncology. Dice Melina Arnold dell’International agency for research on cancer (Iarc): «Usando...
transparent
Incretine testate per sicurezza cardiovascolare e in combinazione a dose fissa

nov132014

Incretine testate per sicurezza cardiovascolare e in combinazione a dose fissa

«Nel mondo 382 milioni di persone soffrono di diabete e si stima che entro il 2035 questa cifra raggiungerà quasi 600 milioni, con un incremento del 55%. La crescita del numero dei pazienti ma anche la complessità della patologia rendono ragione dell’aumento...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>