Malattie della prostata

feb212007

Iperplasia prostatica benigna: elevato apporto verdure diminuisce il rischio

Urologia Gli uomini che assumono molte verdure, ed in particolare quelle ricche in beta-carotene, presentano una riduzione del rischio di iperplasia prostatica benigna. I nutrienti con proprietà antiossidanti o che influenzano crescita o differenziazione...
transparent

feb212007

Integrazione zinco ad alte dosi connessa a complicazioni urinarie

Urologia L’integrazione dello zinco ad alte dosi può avere effetti negativi sul sistema genitourinario degli anziani. In generale, essa non aumenta il rischio di ricovero per tumori genitourinari, ed anzi porta ad una significativa diminuzione...
transparent

feb122007

Prostata, obesità spinge allo screening

Oncologia Gli uomini obesi hanno maggiori probabilità di essere sottoposti a screening per i tumori prostatici rispetto a quelli di peso normale. L’obesità è associata a malattia più avanzata ed esiti peggiori negli uomini...
transparent

feb102007

Tumore prostatico in fase precoce: efficace l’impianto di semi radioattivi

Oncologia Una tecnica basata sull’impianto di semi radioattivi delle dimensioni di un chicco di riso direttamente nella prostata porta ad eccellenti risultati a lungo termine nel trattamento del tumore prostatico in fase precoce. Questa tecnica è...
transparent

gen312007

Tumore prostatico: schizofrenia diminuisce il rischio

L’incidenza del tumore prostatico negli uomini con schizofrenia è inferiore rispetto a quanto osservato nella popolazione generale. In generale, per più di un secolo nei pazienti psichiatrici sono stati osservati tassi tumorali inferiori...
transparent

gen252007

Tumore prostatico localizzato: sopravvivenza massimale con prostatectomia

Sia la prostatectomia radicale che la radioterapia determinano tassi di sopravvivenza significativamente più elevati rispetto al trattamento conservativo nel tumore prostatico clinicamente localizzato. Fra i punti di forza dello studio che ha accertato...
transparent

gen172007

Fosfodiesterasi inibitori a seguito di brachiterapia aiutano funzionalità erettile

A seguito di brachiterapia per tumore prostatico, l’uso di un inibitore delle fosfodiesterasi entro un anno può preservare e ripristinare la funzionalità erettile. Inizialmente era stato osservato che questi farmaci determinano un miglioramento...
transparent

gen162007

Test PSA raccomandato negli uomini anziani con ematuria persistente

Il tumore prostatico viene rilevato in un’elevata percentuale di uomini di età compresa fra 50 e 79 anni con ematuria persistente, e pertanto questi soggetti dovrebbero essere automaticamente sottoposti a test del PSA. Probabilmente però...
transparent

gen122007

Tumore prostatico: costi del trattamento variano in base alla terapia

Il carico economico totale del tumore prostatico varia significativamente in base al tipo di trattamento. Ciò dovrebbe sottolineare il fatto che soprattutto i costi iniziali della terapia del tumore prostatico non riflettono i pieni costi nel tempo...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>