Malattie della prostata

giu82011

Cancro della prostata in fase precoce: operare o non operare?

Il cancro (Ca) della prostata viene diagnosticato sempre più frequentemente e in più del 90% dei casi è localizzato (stadio I e II): il punto ancora controverso è se in questi pazienti sia più opportuno un trattamento chirurgico precoce o una strategia...
transparent

apr132011

Ca prostata, conferme per radioterapia e ormonoterapia

Sei mesi di radioterapia neoadiuvante combinata con deprivazione androgenica costituiscono un'efficace opzione di trattamento per il cancro della prostata localmente avanzato, soprattutto nei pazienti senza metastasi linfonodali o comorbilità metaboliche...
transparent

apr112011

Aiom, no all’uso indiscriminato del Psa

No all’uso indiscriminato del Psa, uno screening da utilizzare soltanto sulla popolazione a rischio. A ribadirlo nel corso della XIX Conferenza nazionale Aiom dedicata alle neoplasie urologiche, appena conclusasi a Torino, è Carmelo Iacono, presidente...
transparent

mar212011

Ca prostata metastatico, denosumab supera zoledronato

Negli uomini con metastasi ossee da cancro prostatico resistente alla castrazione, l'impiego di denosumab, anticorpo monoclonale diretto contro Rankl (fattore chiave dell'attivazione degli osteoclasti), è superiore a quello di acido zoledronico nella...
transparent

mar92011

Meta-analisi o RCT: il caso del PSA

Hanno fatto molto clamore i risultati di una recente meta-analisi di Djulbegovic (Screening for prostate cancer: systematic review and meta-analysis of randomised controlled trials. BMJ. 2010; 341: c4543) la quale concludeva che negli uomini asintomatici...
transparent

mar22011

Un nuovo indice prognostico per il cancro della prostata

Lo score Ccp (progressione del ciclo cellulare) è un valido marker prognostico che, dopo ulteriore validazione, potrebbe svolgere un ruolo di primaria importanza nel determinare il trattamento appropriato da somministrare ai pazienti con carcinoma prostatico....
transparent

feb162011

Effetto antitumorale degli antagonisti della vitamina K

I pazienti anziani che fanno uso di antagonisti della vitamina K (Vka) hanno minori probabilità di sviluppare un cancro – in particolare a carico della prostata - rispetto a chi non ha mai assunto questo tipo di anticoagulanti. È l’esito di uno studio...
transparent

feb12011

L'epigenetica svela l'aggressività del tumore della prostata

L'ipermetilazione di un gene soppressore può essere coinvolta nella patogenesi del cancro prostatico e potrebbe rivelarsi utile per identificare un subset di tumori particolarmente aggressivi. Il merito di questa segnalazione, che aggiunge un’interessante...
transparent

gen102011

Deprivazione androgenica: pro e contro degli estrogeni

Nei pazienti con cancro della prostata in terapia di deprivazione androgenica, gli effetti collaterali degli agonisti dell’Lh-Rh (in primis, disfunzioni sessuali) possono essere ridotti somministrando estrogeni: per migliorarne l’impiego in quest’ambito...
transparent

dic142010

Ca prostatico low-risk, sorveglianza attiva miglior cura

In termini di qualità di vita, per un uomo di 65 anni con cancro prostatico localizzato a basso rischio, la sorveglianza attiva si propone come un approccio ragionevole se confrontato con il trattamento iniziale. Tuttavia, le preferenze individuali giocano...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>