Malattie del sistema cardiovascolare

apr102012

Ictus e forame ovale pervio: come prevenire altri eventi neurologici?

Che fare dopo un ictus “criptogenetico” in pazienti che sono portatori di forame ovale pervio (POF)? Visto che tale anomalia anatomica è presente in misura superiore nei pazienti con ictus criptogenetico, una delle soluzioni che sono state prospettate...
transparent

apr42012

Caso clinico: screening lue a distanza di dieci anni

Il nostro lettore Diomede Placido, Specialista in Chirurgia d’urgenza porta all’attenzione dei colleghi un caso clinico da risolvere. Il paziente in questione ha avuto, dieci anni addietro, un rapporto con una donna sieropositiva, affetta da Lue, per...
transparent

gen92012

Persistenza post-puberale di onda T invertita

La prevalenza di un'inversione dell'onda T all'Ecg (reperto solitamente considerato nei giovani segno di normale persistenza del pattern pediatrico di ripolarizzazione) diminuisce in modo significativo dopo la pubertà. Nel caso in cui un ragazzo in...
transparent

ott172011

Monito dalla Whf: proteggere il cuore dei bimbi delle megalopoli

“Urbanization and cardiovascular diseases” è il titolo di un rapporto stilato dalla Federazione mondiale del cuore (Whf) che lo ha presentato a Ginevra (Svizzera), in occasione della Giornata mondiale del cuore (29 settembre), con lo scopo di denunciare...
transparent

set272011

Psn, con prevenzione ridotta incidenza delle malattie cardiovascolari

Aumento continuo delle condizioni cronico degenerative, maggiore presenza di patologie legate all’immigrazione e influsso sempre più determinate della prevenzione, con effetti evidenti soprattutto nella riduzione dell’incidenza delle malattie cardiovascolari,
transparent

set262011

Xantelasmi palpebrali predittivi di patologie cardiovascolari

La presenza di xantelasmi palpebrali, ma non quella di arco senile pericorneale, si associa a un rischio aumentato di infarto miocardico, cardiopatia ischemica, grave aterosclerosi e morte nella popolazione generale, indipendentemente dai noti fattori...
transparent

set192011

Linee guida per la sicurezza cardiovascolare in gravidanza

Le malattie cardiache costituiscono la prima causa di morte in gravidanza: i tassi di decesso sono 100 volte più alti del normale nelle madri e 10 volte nei feti. L'allarme è stato lanciato all'Esc di Parigi, nel corso della presentazione dei risultati...
transparent

set142011

Malattie cardiovascolari nelle donne: poco sintomatiche, spesso fatali

L’11 giugno 2011, due organizzazioni americane – WomenHeart: The National Coalition for Women with Heart Disease, the Society for Women’s Health Research - hanno pubblicato un report ( Advancing Women’s Heart Health Through Improved Research, Diagnosis...
transparent

lug192011

Albuminuria marker di rischio Cv in pazienti vasculopatici

Nei pazienti affetti da vasculopatia, modificazioni nell'albuminuria sono predittive della mortalità e degli outcome cardiovascolari e renali, in modo indipendente dai valori basali. Ciò suggerisce che il monitoraggio dell'albuminuria costituisca un'utile...
transparent

lug182011

Oms, mortalità cardiovascolare al primo posto nel mondo

Con 7,25 milioni di morti (12,8% del totale dei decessi) l'ischemia del miocardio si pone in testa alla classifica delle prime 10 cause di decesso al mondo nel 2008. Subito dopo, con 6,2 milioni di decessi, c'è l'ictus (o altra malattia cerebrovascolare)....
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi