Malattie del sistema cardiovascolare

feb132009

Nuovi dati sul rischio cardiovascolare dei FANS

Nei pazienti con scompenso cardiaco, l’assunzione di FANS si associa a un aumento di mortalità e ospedalizzazione per infarto miocardico e per scompenso, indipendentemente dalla molecola usata. Il nuovo allarme sul rischio cardiovascolare viene...
transparent

nov262008

Depressione, cardiovascolari e stile di vita

Medicina interna-malattie cardiovascolari Il legame fra la depressione e le malattie cardiovascolari non si deve a complessi processi biologici, ma a comportamenti che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari nei soggetti depressi. In particolare,...
transparent

set32008

L’antiaritmico protegge dall’ictus

Un'ulteriore analisi dello studio ATHENA, sulla morbilità e mortalità cardiovascolari, dimostra che il dronedarone, farmaco antiaritmico prodotto da Sanofi-Aventis, riduce il rischio di ictus del 34%, nei pazienti con fibrillazione atriale,...
transparent

mag42008

Obesità: muoversi limita rischio cardiovascolare

Scienze dell’alimentazione-obesità L’attività fisica regolare può attenuare, anche se non eliminare, il rischio di coronaropatie associato all’eccesso di peso ed all’obesità. Le donne di peso normale e fisicamente...
transparent

lug92007

Sindrome metabolica e malattie cardiovascolari

Medicina interna-malattie cardiovascolari La sindrome metabolica è stata definita in diversi modi, ma le componenti chiave in molte delle definizioni sono costellazioni di fattori di rischio fra i quali figurano adiposità addominale, iperglicemia...
transparent

giu252007

Artrite reumatoide: camminare diminuisce rischio cardiovascolare

Insufficienza cardiaca I pazienti con artrite reumatoide potrebbero ridurre il proprio rischio cardiovascolare passando più tempo a camminare. L’inattività fisica ed il comportamento sedentario contribuiscono al rischio di malattie cardiovascolari,...
transparent

giu252007

Angina instabile/NSTEMI e rivascolarizzazione: obesità associata ad esiti migliori

Cardiopatia ischemica L’obesità è un importante fattore di rischio per lo sviluppo di diabete, ipertensione, coronaropatie, disfunzioni ventricolari e molti altri problemi correlati al cuore, ma offre una qualche protezione ai pazienti...
transparent

giu182007

Fibrillazione atriale: PCR dopo cardioversione indica recidiva

Aritmie Dopo la cardioversione elettrica della fibrillazione atriale, elevati livelli di PCR sono legati ad un incremento del rischio di recidiva a lungo termine. L’infiammazione locale e sistemica potrebbe essere correlata alla patogenesi della...
transparent

giu112007

Fosforo sierico marcatore di rischio cardiovascolare

Tecniche diagnostiche Elevati livelli sierici di fosforo, anche se nel range di normalità, sono associati ad un aumento del rischio di eventi cardiovascolari: il presente studio è il primo a sottolineare una simile associazione su un campione...
transparent

giu72007

Terapia ormonale più sicura all’inizio della menopausa

La tempistica dell’inizio della terapia ormonale potrebbe determinare l’entità dei suoi effetti cardiovascolari. Il rischio di coronaropatie associato alla terapia ormonale infatti non risulta significativamente aumentato nelle donne che...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>