Malattie cardiache

Cancro polmonare: un marcatore prevede la sopravvivenza

set112013

Cancro polmonare: un marcatore prevede la sopravvivenza

Si chiama Mig 6 il marcatore che sembra prevedere la sopravvivenza fino a due anni nei pazienti in trattamento con gefinitib ed erlotinib, due antitumorali della classe degli inibitori dell'Egfr. «Questi farmaci si usano nei pazienti con cancro polmonare...
transparent
Scompenso cardiaco: sei consigli per ridurre i ricoveri bis

lug192013

Scompenso cardiaco: sei consigli per ridurre i ricoveri bis

Ci sono sei raccomandazioni da seguire per evitare ai malati di scompenso cardiaco un nuovo ricovero entro un mese dalla dimissione. «Se tutte e sei vengono messe in pratica, le riammissioni potrebbero scendere del 2%. Per dirla in cifre, un milione di...
transparent
Obesità giovanile associata a cardiopatia adulta

lug182013

Obesità giovanile associata a cardiopatia adulta

Più a lungo dura l’obesità più è probabile lo sviluppo di una coronaropatia subclinica intorno ai cinquant’anni, almeno secondo alcuni dati del trial Cardia, Coronary Artery Risk Development in Young Adults, pubblicati su Jama. «L’aterosclerosi subclinica,...
transparent
Cure mediche o chirurgiche per l’endocardite

lug172013

Cure mediche o chirurgiche per l’endocardite

A un anno dall’intervento l’endocardite da protesi valvolare (Pve) resta gravata da un elevato tasso di decessi a e non ha una mortalità inferiore rispetto alla sola terapia medica. Parola di Tahaniyat Lalani , ricercatrice al Naval Medical Center di...
transparent

lug152013

Scompenso cardiaco acuto, Fda: serelaxina è “breakthrough therapy”

Serelaxina, trattamento sperimentale per lo scompenso cardiaco acuto, è stata definita dalla Fda ‘terapia fortemente innovativa’ (“breakthrough therapy”). L’ente regolatorio dei farmaci americano è giunto a questa conclusione sulla base delle evidenze...
transparent
Etnia, malattia coronarica e vitamina D: rischio variabile

lug112013

Etnia, malattia coronarica e vitamina D: rischio variabile

In un gruppo multietnico di adulti, bassi livelli circolanti di vitamina D aumentano il rischio di eventi coronarici nei bianchi o cinesi, ma non nei neri o negli ispanici, almeno secondo uno studio pubblicato su Jama. Spiega Ian de Boer, nefrologo del...
transparent

giu172013

Meno shock se cambia la programmazione dei defibrillatori

Attraverso una diversa programmazione dei defibrillatori impiantabili si può ridurre il numero di scariche non necessarie inviate da tali dispositivi al cuore, senza aumentare il rischio di svenimento o morte per i pazienti. È quanto dimostrano i risultati...
transparent

giu172013

La mortalità per scompenso si calcola sul web

Si chiama www.heartfailurerisk.org il sito che stima la mortalità nei pazienti scompensati con frazione di eiezione ridotta o conservata. Parola di Stuart Pocock, professore di statistica medica alla London school of hygiene and tropical medicine e...
transparent

giu172013

Uscite su Jacc le nuove linee guida sullo scompenso cardiaco

L'American college of cardiology (Acc) e l'American heart association (Aha) hanno pubblicato le linee guida per il trattamento dello scompenso cardiaco con l'aggiornamento delle definizioni, la nuova classificazione nonché le indicazioni sull’importanza...
transparent
Sette consigli per vincere l’ictus

giu102013

Sette consigli per vincere l’ictus

Bastano poche, piccole modifiche dello stile di vita per ridurre il rischio di ictus, almeno secondo uno studio dell’American Heart Association (Aha) pubblicato sulla rivista Stroke . Gli autori dell’articolo hanno valutato il rischio di ictus usando...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi