Malattie cardiache

Scompenso cardiaco e morte improvvisa: si ampliano indicazioni agli Icd

giu72014

Scompenso cardiaco e morte improvvisa: si ampliano indicazioni agli Icd

I defibrillatori-cardioversori impiantabili (Icd) migliorano la sopravvivenza dei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ventricolare sinistra del 30-35%, secondo uno studio pubblicato su Jama del Duke clinical research institute....
transparent
Linee guida Usa su uso sicuro metadone in relazione ai rischi di aritmia

giu32014

Linee guida Usa su uso sicuro metadone in relazione ai rischi di aritmia

Per promuovere un impiego più sicuro del metadone occorre prendere opportune misure, in primis azioni educative sui medici e counseling ai pazienti circa la sicurezza del farmaco e il monitoraggio cardiaco allo scopo di identificare i soggetti ad alto...
transparent

mag192014

Cardiopatia ischemica: la Tc coronarica migliora le sue prestazioni

La tomografia computerizzata (Tc) coronarica ad alta definizione dimostra una migliorata accuratezza diagnostica nella valutazione delle coronarie anche nei pazienti ad alto rischio di malattia coronarica. Sono queste le conclusioni di un recente studio...
transparent

mag192014

Crescono i casi di scompenso cardiaco, ma la metà degli over 50 non sa cos’è

Si svolgono in Europa in questi giorni le Giornate dello scompenso cardiaco, una condizione invalidante che nei prossimi 20 anni è destinata a un aumento di incidenza del 25%. Lo scompenso in Italia colpisce oltre 600mila persone, ed è anche la più comune...
transparent

mag192014

Contro le aritmie segnalare in etichetta i nutriaritmogeni

Un'etichetta salva-cuore sugli alimenti per segnalare la presenza di sostanze che potrebbero creare problemi cardiaci. Ecco la proposta, lanciata al congresso nazionale "Alimenti e Aritmie" organizzato all'Università di Chieti dal nutrizionista Nicolantonio...
transparent
L’uso di Fans aumenta il rischio di fibrillazione atriale

apr152014

L’uso di Fans aumenta il rischio di fibrillazione atriale

L’uso attuale o recente di antidolorifici e antinfiammatori potrebbe aumentare il rischio di fibrillazione atriale tra gli adulti più anziani, secondo un ampio studio di coorte appena pubblicato sul British medical journal open. «Nelle persone con fibrillazione...
transparent
La colchicina è efficace e sicura nella pericardite acuta

apr42014

La colchicina è efficace e sicura nella pericardite acuta

Aggiunta alla terapia convenzionale, la colchicina può ridurre le recidive di pericardite nei pazienti con episodi ripetuti nella storia clinica passata. Ecco, in sintesi, i risultati dello studio Corp 2, Colchicine for Recurrent Pericarditis 2, presentato...
transparent

mar172014

Gli attacchi di rabbia favoriscono ictus e infarto

Ictus, infarto, sindrome coronarica acuta, rottura di aneurismi e aritmia. Sono alcuni dei problemi cardiovascolari che diventano più probabili dopo un attacco di rabbia. È quanto si legge dalle pagine della rivista European heart journal dove è stato...
transparent
Valvulopatie, dagli Usa le nuove linee guida

mar72014

Valvulopatie, dagli Usa le nuove linee guida

Una nuova classificazione delle valvulopatie è stata proposta nell’ambito delle nuove linee guida redatte dal comitato messo insieme da American heart association e American college of cardiology pubblicate sul Circulation con primo firmatario Rick A....
transparent
Quanto serve l’imaging cardiaco non invasivo

feb262014

Quanto serve l’imaging cardiaco non invasivo

L’utilizzo di esami di imaging cardiaco non invasivo in genere non migliora le diagnosi e i successivi interventi terapeutici e in alcuni casi induce i medici a prescrivere altri costosi test. Sono queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi