Malattie cardiache

lug222014

La mimica facciale aiuta a identificare patologie polmonari o cardiache

L’espressione del volto può essere di aiuto nell’indicare la presenza di malattie cardiopolmonari gravi. «I pazienti con gravi patologie cardiache e polmonari non hanno la normale gamma di espressioni facciali, e in particolare manca la capacità di esprimere...
transparent
Scompenso cardiaco lieve: la risincronizzazione è più efficace nelle donne

lug212014

Scompenso cardiaco lieve: la risincronizzazione è più efficace nelle donne

La risincronizzazione cardiaca aiuta le donne scompensate più dei maschi, almeno secondo quanto afferma uno studio pubblicato su Jama internal medicine e coordinato da David Strauss del Center for devices and radiological health alla U.S. Food and drug...
transparent

lug212014

Mimica facciale rivela presenza di gravi patologie polmonari o cardiache

L’espressione del volto può indicare la presenza di gravi malattie cardiopolmonari? La risposta sembra affermativa, almeno secondo uno studio pubblicato online sull’Emergency medicine journal. «I pazienti con gravi patologie cardiache e polmonari non...
transparent

lug212014

Studio Epic: l’osteoporosi aumenta il rischio di scompenso cardiaco

La densità minerale ossea e lo scompenso cardiaco, specie su base non ischemica, sono legati da un rapporto inverso e potrebbero avere meccanismi fisiopatologici comuni. Questo è quanto sostengono su Jacc heart failure gli autori di uno studio prospettico...
transparent
Antidepressivi non aumentano il rischio di difetti cardiaci in gravidanza

lug42014

Antidepressivi non aumentano il rischio di difetti cardiaci in gravidanza

Secondo uno studio pubblicato sul New England journal of medicine, l’uso di antidepressivi nel primo trimestre di gravidanza non aumenta il rischio di anomalie cardiache. «La depressione colpisce il 10-15% delle gestanti e l'uso di antidepressivi è gradualmente...
transparent

giu252014

Medicina di genere: risincronizzazione più efficace nelle donne scompensate

Rispetto agli uomini, la risincronizzazione cardiaca combinata a un defibrillatore può aiutare di più le donne scompensate, anche se queste ultime hanno meno probabilità di riceverla rispetto ai maschi. Lo afferma Robbert Zusterzeel del Center for devices...
transparent
Monitorare i parametri vitali riduce comparsa di eventi cardiaci imprevisti

giu162014

Monitorare i parametri vitali riduce comparsa di eventi cardiaci imprevisti

Spesso durante un ricovero in ospedale si verificano eventi avversi improvvisi, come un arresto cardiaco; prevenirli è possibile attraverso il monitoraggio regolare di pochi parametri vitali. Sono questi i risultati emersi dallo studio multicentrico...
transparent

giu162014

Bimbi cardiopatici, esposizione cumulativa alle radiazioni e rischio cancro

L’esposizione cumulativa alle radiazioni nei bambini cardiopatici è relativamente bassa ma può aumentare le probabilità di cancro nei soggetti a rischio. Ecco in sintesi, le conclusioni di uno studio pubblicato su Circulation e svolto alla Duke university...
transparent
Bcis: una sindrome rara ma non trascurabile

giu142014

Bcis: una sindrome rara ma non trascurabile

La sindrome da impianto di cemento osseo (Bcis – Bone cement implantation syndrome ) resta una evenienza rara, ma non così tanto da indurci a pensare che gli ortopedici non la debbano conoscere e non debbano sapere cosa fare nel caso si manifesti. Con...
transparent
Defibrillatori-cardioversori impiantabili: si ampliano le indicazioni

giu102014

Defibrillatori-cardioversori impiantabili: si ampliano le indicazioni

L’impianto profilattico di un defibrillatore-cardioversore impiantabile (Icd) è indicato anche per pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra compresa tra 30 e 35% e non solo per quelli con valori inferiori a 30%. Sono questi in sintesi i...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi