Malattia coronarica

Anche il genere influenza sintomi sindrome coronarica acuta

set182013

Anche il genere influenza sintomi sindrome coronarica acuta

Il dolore al petto rappresenta il sintomo più comune della sindrome coronarica acuta nei pazienti con meno di 55 anni, ma non è sempre presente ed esistono differenze nella sintomatologia di presentazione che distinguono gli uomini dalle donne. Sono questi,...
transparent

set102013

Angina senza sopraslivellamento: otamixaban non cambia la prognosi

Il nuovo anticoagulante otamixaban non riduce gli eventi ischemici rispetto all'associazione di eparina non frazionata ed eptifibatide nei pazienti con sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del tratto ST sottoposti ad angioplastica percutanea...
transparent

mag82013

Spessore carotideo svela coronarie malate

Il massimo spessore intima-media carotideo è un efficace metodo di screening nei pazienti diabetici di tipo 2 con grave coronaropatia (Cad) asintomatica, almeno secondo uno studio giapponese apparso su Diabetes care. «Lo spessore intima-media carotideo,...
transparent

apr162013

Il peso corporeo minaccia le coronarie femminili

Nelle donne la frequenza di malattia coronarica (Chd) aumenta di pari passo con l'indice di massa corporea (Imc), almeno secondo un articolo pubblicato sulla rivista Bmc medicine dai ricercatori dell’Unità di epidemiologia dei tumori dell’Università...
transparent

mar82013

Sindrome coronarica acuta: vantaggi da cura depressione

Contro la depressione da sindrome coronarica acuta (Acs) si è rivelato efficace un programma centralizzato di trattamento, adattato in base alle preferenze del paziente
transparent

gen152013

Un algoritmo per la diagnosi di coronaropatia negli ipertesi

L’ipertensione arteriosa (IA) è uno dei maggiori fattori di rischio coronarico, e per ogni 20 mmHg di aumento della pressione sistolica e ogni 10 mmHg di aumento della pressione diastolica raddoppia il rischio di eventi cardiovascolari. È quindi evidente...
transparent

dic132012

Stent, monitoraggio terapia antipiastrinica non migliora esiti

Dopo applicazione di stent coronarico, il monitoraggio continuo al letto del paziente della terapia antipiastrinica per il suo continuo aggiustamento non si dimostra più efficace ai fini di un miglioramento degli outcome clinici rispetto alla terapia...
transparent

nov142012

Acs, inibitore di Cetp delude in prevenzione secondaria

Nei pazienti che hanno sofferto di una recente sindrome coronarica acuta (Acs), dalcetrapib, inibitore della Cetp (proteina trasportatrice degli esteri del colesterolo), ha determinato un aumento dei livelli di colesterolo-Hdl ma non è stato in grado...
transparent

nov132012

Sindrome coronarica, outcome simili con antiaggreganti diversi

Nei pazienti con sindrome coronarica acuta (Acs) senza elevazione del tratto St e inizialmente gestiti senza rivascolarizzazione, il trattamento con prasugrel si associa a minore reattività piastrinica rispetto a clopidogrel. Non si notano però differenze...
transparent

ott152012

Scenari coronarici complessi in discussione al congresso Gise

Occlusioni croniche totali, patologia multivasale e del tronco comune, ovvero "scenari coronarici complessi": a questo tema è stata dedicata una delle molte sessioni scientifiche del XXXIII Congresso nazionale della Società italiana di cardiologia invasiva...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi