Ischemia

feb22012

Il consumo di omega-3 riduce il rischio di ictus nelle anziane

Le donne anziane che consumano regolarmente alimenti fonte di omega-3, acidi grassi polinsaturi a lunga catena, riducono in modo consistente il rischio di ictus. Al contrario il rischio aumenta con un'assunzione prolungata di colesterolo dietetico. Il...
transparent

gen272012

Gb, in 10 anni dimezzata la mortalità da infarto

Stando ai dati raccolti da uno studio pubblicato dal British medical journal, si è dimezzato, negli ultimi dieci anni, il numero di decessi per infarto in Inghilterra, in particolare nelle fasce di età avanzate
transparent

gen182012

Ictus nello scompenso: eziologia e prognosi a 10 anni

Nei soggetti con scompenso cardiaco (Hf), l'eziologia di un ictus è influenzata dalla presenza di una fibrillazione atriale (Fa) e dalle cause sottostanti all'aritmia. L'outcome precoce e tardivo dell'ictus è invece associato alla gravità di Hf ma...
transparent

dic132011

Occlusione della carotide interna: non indicato alcun trattamento chirurgico

I pazienti con occlusione dell’arteria carotide interna (AICAO) ed ischemia cerebrale emodinamica sono ad elevatissimo rischio per un successivo evento ictale anche se trattati con la migliore terapia medica possibile. Per verificare se un intervento...
transparent

nov282011

Recidiva ictale con livelli pressori nel range di normalità

I pazienti colpiti da un recente ictus ischemico non cardioembolico potrebbero non tollerare livelli pressori nei limiti molto bassi di normalità. Dallo studio Profess (Prevention regimen for effectively avoiding second strokes) - condotto da Bruce Ovbiagele...
transparent

nov222011

Perfusione miocardica post-Stemi: dopo 5 ore non soddisfa

In una popolazione colpita da Stemi, e trattata precocemente con intervento coronarico percutaneo (Pci), tripla terapia antipiastrinica e aspirazione del trombo, un breve tempo di ischemia (definito dal momento dell'insorgenza dei sintomi alla prima...
transparent

ott252011

Depressione e stroke

Siamo un po’ abituati a considerare la depressione come un fattore funzionale o quasi, di scarsa pertinenza internistica, mentre sempre maggiori evidenze ne mostrano l’associazione con malattie organiche, quali le malattie cardiovascolari. Tra queste...
transparent

ott112011

Studio ARISTOTLE: un’altra alternativa al warfarin nei pazienti con fibrillazione atriale

Quanto emerge dai risultati dell’ARISTOTLE (Apixaban for Reduction in Stroke and Other Thromboembolic Events in Atrial Fibrillation) Trial, ponderoso Studio Multicentrico randomizzato a doppio cieco che ha coinvolto più di 18.000 pazienti con FA per un...
transparent

set142011

La pressione deve essere sempre abbassata nella fase acuta dell’ictus?

Non è ancora chiaro se trattare l’ipertensione nella fase acuta dell’ictus sia o no conveniente; il quesito è importante, se si considera che oltre il 75% dei pazienti con ictus è iperteso. Il motivo per cui si è riluttanti ad abbassare la pressione è...
transparent

set142011

Sospendere ASA dopo un evento cardiovascolare rappresenta un rischio per IMA non fatale

A conferma dell’importante ruolo che l’ASA esplica in prevenzione secondaria si aggiungono anche i dati di uno studio caso-controllo recentemente apparso sul BMJ. Sono stati valutati e seguiti con un follow-up medio di più di 3 anni, quasi 40.000 pazienti...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community