Ischemia

set252012

La continuità assistenziale va avviata in ospedale

La continuità assistenziale dall’ospedale al territorio rivolta ad alcune cronicità, per prevenire l’interruzione di cura ed eventi avversi, tra cui la riospedalizzazione, se avviata già durante il ricovero migliora l'outcome, rispetto all'assistenza...
transparent

set172012

Cardiopatia ischemica e angina: modello multifattoriale

L'infiammazione del miocardio, la disfunzione coronarica microvascolare e la disfunzione endoteliale, i fenomeni trombotici, il coinvolgimento dell'angiogenesi. Sono alcuni degli elementi che entrano nel complesso processo fisiopatologico multifattoriale...
transparent

set72012

Ictus ischemico acuto, bocciata Asa precoce

La precoce somministrazione di acido acetilsalicilico (Asa) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto, trattati con alteplase, non migliora l’outcome clinico a tre mesi e aumenta il rischio di emorragia intracranica sintomatica
transparent

lug102012

Stroke e rischio cardiovascolare: statement dell’AHA e dell’ASA

Nonostante possa essere intuitivo che lo stroke sia anche un fattore di rischio coronarico, le linee guida (LG) dei vari Paesi non danno indicazioni uniformi riguardo all’inclusione delle malattie cerebrovascolari come condizione di rischio assoluto o...
transparent

lug62012

Ictus ischemico acuto: bocciato Asa precoce dopo alteplase

I dati raccolti da uno studio di due ricercatori dell’università di Amsterdam, indicano che la precoce somministrazione di acido acetilsalicilico (Asa) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto trattati con alteplase non migliora...
transparent

lug52012

Ictus, nessuna incompatibilità tra tPA e warfarina

Nei pazienti con ictus ischemico trattati con warfarina, l'attivatore tissutale del plasminogeno (tPA) somministrato per via endovenosa non si è associato a un maggiore rischio di emorragia intracranica sintomatica rispetto al suo utilizzo in pazienti...
transparent

giu132012

Fibrillazione atriale, donne più a rischio di ictus

Le donne con fibrillazione atriale (Fa) hanno un rischio lievemente aumentato di ictus rispetto agli uomini e di ciò bisogna tenere conto se si devono prendere decisioni circa un trattamento anticoagulante. Il monito viene dal Karolinska institutet di...
transparent

giu42012

Infarto, efficacia del palloncino dipende dalla tempestività

Un breve intervallo di tempo tra l’insorgenza dell'infarto e l’applicazione del palloncino (onset to balloon time) è associato a un esito clinico migliorativo di tre anni nei pazienti con infarto miocardico acuto con sopraslivellamento del tratto St...
transparent

mag292012

Apixaban supera warfarina in prevenzione eventi gravi

Dallo studio internazionale Aristotle, risulta che «nei pazienti con fibrillazione atriale e almeno un rischio aggiuntivo di ictus, l’apixaban è superiore alla warfarina per la prevenzione di ictus o embolia sistemica, comporta minori episodi di sanguinamento...
transparent

mag212012

Traffico, rumore e infarto, il Parlamento europeo intervenga

50mila decessi e 250mila casi di problematiche cardiache associabili al rumore: il 26 aprile, in occasione dell’International noise awareness day, è stato lanciato un allarme sui concreti rischi per la salute legati al rumore generato dal traffico cittadino....
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community