Ischemia

nov172007

Quando l’incontinenza dipende dalla concentrazione

Nefrologia ed urologia-incontinenza I sopravvissuti ad un ictus che sviluppano incontinenza urinaria risultano meno attenti dei pazienti continenti. Forme di esercizio focalizzate sull’attenzione potrebbero pertanto essere d’aiuto nel riottenimento...
transparent

nov142007

TENS ed esercizio per recupero dopo ictus

Neurologia-vasculopatie cerebrali La stimolazione elettrica neurale transcutanea (TENS) a domicilio combinata con esercizi di svolgimento attività migliora la funzionalità degli arti inferiori nei soggetti con ictus cronico. Al di là...
transparent

nov62007

Ictus, esercizio migliora abilità funzionali

Neurologia-vasculopatie cerebrali Gli esercizi ripetitivi che simulano le funzioni quotidiane delle gambe possono migliorare la mobilità dopo un ictus. Quest’ultimo è ancora la causa principale di disabilità neurologica a lungo...
transparent

ott222007

Ictus, afasia e depressione

Neurologia-vasculopatie cerebrali I patologi del linguaggio dovrebbero essere coinvolti nello screening della depressione nei pazienti con afasia post-ictus. Finora i pazienti con afasia sono stati inclusi nelle valutazioni diagnostiche per la depressione,...
transparent

ott162007

Con l’ictus lacunare ci vuole pazienza

Neurologia-vasculopatie cerebrali La diagnosi clinica di ictus lacunare può essere raggiunta con una ragionevole accuratezza nelle prime sei ore dopo la comparsa dei sintomi, ma questo dato ha più rilevanza per la ricerca che per la pratica...
transparent

ott42007

Ipercolesterolemia associata a piccoli ictus

Neurologia-vasculopatie cerebrali Elevati livelli sierici totali di colesterolo potrebbe favorire lo sviluppo di ictus minori, prevalentemente a carico di piccoli vasi, che hanno una prognosi piuttosto favorevole, piuttosto che di ictus maggiori con prognosi...
transparent

ott12007

Riabilitare i cuori depressi

Psichiatria-sindromi affettive I pazienti che cadono in depressione dopo un evento coronarico maggiore presentano una mortalità significativamente superiore rispetto a quelli non depressi, ma la riabilitazione cardiaca e l’esercizio possono...
transparent

ott12007

Ischemia, primi indizi contro il gasolio

Cardiopatia ischemica Una breve esposizione ai fumi residuali diluiti del gasolio durante l’esercizio può promuovere l’ischemia miocardica e inibisce la capacità fibrinolitica endogena negli uomini con coronaropatie stabili. I dati...
transparent

ott12007

Il G-CSF nel rimodellamento ventricolare

Cardiopatia ischemica A seguito di un intervento percutaneo riuscito, dopo un ampio infarto miocardico acuto, il G-CSF previene il rimodellamento ventricolare sinistro. Questo fenomeno, quando si verifica, porta a una dilatazione del ventricolo sinistro...
transparent

ott12007

Il peso è comunque un fattore di rischio

Cardiopatia ischemica Anche i soggetti moderatamente in sovrappeso presentano un aumento dei rischio di coronaropatie indipendentemente dagli effetti del loro peso su pressione e colesterolo. Era già noto che i soggetto obesi siano a maggior rischio...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi