Ischemia

dic172010

Metanalisi olandese boccia marker di infarto miocardico

Contrariamente a quanto prospettato in varie ricerche, la misurazione dei livelli circolanti di proteina cardiaca legante gli acidi grassi (H-Fabp) - utilizzata come test autonomo - non soddisfa i requisiti richiesti per una sicura diagnosi precoce dell’infarto...
transparent

dic142010

Ictus ischemico predittivo di emicrania con aura nei giovani

Nei giovani adulti colpiti da ictus ischemico, un profilo di rischio cardiovascolare ridotto, insieme a uno shunt destro-sinistro e un sottostante stato procoagulante, rappresentano fattori predittivi di emicrania con aura. Gli effetti biologici di tali...
transparent

dic92010

Il cilostazolo: una alternativa all’ASA?

Sono stati recentemente pubblicati su Lancet Neurology i risultati dello Stroke Prevention Study 2 (CSPS 2), uno studio di non inferiorità che ha valutato, in pazienti che avevano già avuto un evento ischemico cerebrale non cardioembolico, l’efficacia...
transparent

nov232010

Emicrania con aura e rischio di mortalità

Numerosi studi collegano l’emicrania, soprattutto quella con aura, allo stroke ischemico, ma nessuno degli studi volti a stabilire se l’emicrania sia responsabile di un aumento della mortalità cardiovascolare e totale ha dato risultati conclusivi. Due...
transparent

ott202010

Maggior rischio comorbidità nei pazienti affetti da Bpco

I pazienti affetti da broncopneumopatia cronico ostruttiva (Bpco) hanno probabilità sostanzialmente maggiori di avere una malattia cardiovascolare, il diabete o un ictus preesistenti, e sono ad alto rischio di eventi arterovascolari acuti, in particolare...
transparent

ott152010

Angioplastica primaria efficace e sicura in pazienti molto anziani

In caso di infarto miocardico acuto con sovraslivellamento del tratto ST, pazienti molto anziani (novantenni) selezionati traggono beneficio da un’angioplastica primaria effettuata con successo. Il trattamento non influenza la scarsa prognosi dei...
transparent

set172010

Ictus ischemico acuto più grave se l’iperglicemia persiste Neurologia

Nei pazienti colpiti da ictus ischemico acuto si osserva comunemente una condizione di iperglicemia persistente (Ph) con concentrazioni uguali o superiori a 155 mg/dl. La presenza di Ph in questi casi si associa a un outcome peggiore e a una maggiore...
transparent

set92010

Sibutramina aumenta il rischio di infarto e ictus non fatali

I pazienti in sovrappeso od obesi con preesistenti problemi cardiovascolari e sottoposti a trattamento a lungo termine con sibutramina presentano un accresciuto rischio di infarto miocardico non fatale e di ictus non fatale, ma non di morte cardiovascolare...
transparent

set82010

Clopidogrel e Asa ad alte o basse dosi non cambia l’efficacia

L’acido acetilsalicilico (Asa) e il clopidogrel sono antiaggreganti ampiamente utilizzati nei pazienti con sindrome coronarica acuta e in quelli sottoposti a intervento coronarico percutaneo (Pci), ma non esistono linee guida circa i dosaggi. Uno...
transparent

set32010

Postmenopausa, cresce la mortalità con deidroepiandrosterone basso

Nelle donne in postmenopausa, portatrici di fattori di rischio coronarico e sottoposte a coronarografia per sospetta ischemia miocardica, ridotti livelli di deidroepiandrosterone solfato (Dhea-S) sono associati a una maggiore mortalità cardiovascolare...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community