Infezioni da HIV

mar162012

Patologie da micobatteri in calo nell'era degli antiretrovirali

Il tasso di malattie da micobatteri è diminuito nei bambini Hiv-infetti durante l'era Haart, ma l'incidenza resta alta rispetto alla popolazione generale. Lo rivela uno studio retrospettivo basato su dati ospedalieri spagnoli. L'èquipe guidata da ...
transparent

mar12012

Haart: nei soggetti più vulnerabili monitorare la salute ossea

Nei pazienti Hiv-positivi, subito all'inizio della somministrazione di una terapia antiretrovirale si ha un aumento dei marker ossei, sia di formazione che di riassorbimento osseo. Ciò induce a ritenere utile il monitoraggio della salute ossea nei pazienti...
transparent

feb12012

Test rapido per l'Hiv: accuratezza su saliva e sangue

Anche se il test rapido per l’Hiv ha alti valori predittivi in contesti ad alta prevalenza di Hiv, la sensibilità e la capacità predittiva leggermente inferiori in contesti a bassa prevalenza dovrebbero essere attentamente considerate in caso di iniziative di screening generalizzato
transparent

gen202012

Impatto modesto di uno screening generalizzato dell’Hiv

In uno studio francese il test rapido di sieropositività all'Hiv effettuato in modo generalizzato nei dipartimenti di emergenza si è dimostrato praticabile ma poco efficace. Sono state poche le nuove diagnosi di infezione, spesso in fase avanzata e la...
transparent

dic212011

I livelli di Hiv Dna predicono il successo antiretrovirale

Un trattamento antiretrovirale precoce facilita il raggiungimento di livelli non rilevabili di viremia plasmatica e di Hiv Dna cellulare e un migliore recupero di linfociti Cd4: lo affermano i risultati di una ricerca coordinata da Saverio Giuseppe Parisi...
transparent

dic132011

Un caso clinico: mai troppo vecchi

Una vedova di 75 anni presenta una storia di demenza progressiva nell’arco di sei mesi. I sintomi sono caratterizzati da andatura aprassica, declino cognitivo variabile e comparsa di incontinenza sfinterica. L’anamnesi è completamente negativa per patologie...
transparent

ott92011

Contraccettivi ormonali, maggiori rischi di infezione/trasmissione Hiv

Le donne che assumono contraccettivi ormonali presentano un rischio quasi doppio di acquisire un’infezione da Hiv-1 e di trasmetterla al partner. È quanto emerge da uno studio prospettico - svolto per conto del Prevention Hsv/Hiv transmission study team...
transparent

lug262011

Profilassi della tubercolosi negli Hiv-positivi

Ai fini della prevenzione della tubercolosi (Tb) negli Hiv-positivi, tutti i regimi di profilassi secondaria sono efficaci ma nessun tipo di schema della durata di 3 mesi risulta superiore a un trattamento per 6 mesi con isoniazide. Questo il verdetto...
transparent

mag122011

Rischio di scompenso cardiaco con infezione da Hiv

L'infezione da Hiv è un fattore di rischio per lo scompenso cardiaco (Hf) e una replicazione virale in corso si associa a un rischio maggiore di svilupparlo. Lo rivela uno studio retrospettivo condotto da Adeel A. Butt , dell'università di Pittsburgh...
transparent

mag62011

Quando iniziare la cArt in pazienti con Hiv senza Aids

Quando iniziare la terapia antiretrovirale combinata (cArt) nei pazienti con infezione da Hiv ma senza Aids? Secondo uno studio dell'Hiv-causal collaboration, sponsorizzato dai National institutes of health di Bethesda, la terapia andrebbe instaurata...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi