Infarto

mar152010

Infarto: ridotto rischio trombotico da Asa

La mancanza di reflusso miocardico può impedire di cogliere il beneficio di una rivascolarizzazione coronarica urgente in pazienti con infarto miocardico a elevazione acuta del tratto St (Stemi). Tra i meccanismi patogenetici coinvolti, l’embolizzazione...
transparent

mar22010

Stadi europei non sicuri per il cuore

Cardiologia Gli stadi di calcio europei sono ancora scarsamente attrezzati per far fronte a un’emergenza cardiaca. Defibrillatori spesso assenti, anche negli impianti a maggiore distanza dal più vicino ospedale, carenza di personale qualificato...
transparent

dic92009

Meno costi con cardio-assistenza sul lavoro

Medicina del lavoro Alcune forme di assistenza offerte ai pazienti cardiovascolari sul posto di lavoro garantirebbero, non solo miglioramenti delle condizioni di salute e della qualità della vita, ma una consistente riduzione dei costi. L’evidenza...
transparent

lug142009

Infarto complicato: anemia peggiora esiti

Cardiologia-cardiopatia ischemica L’anemia nei pazienti con un recente infarto miocardico acuto complicato da insufficienza cardiaca è associata ad un aumento del rischio di ricovero e mortalità. Questo evento dunque è foriero di...
transparent

giu232009

Infarto: iperlipidemia fattore di rischio

Cardiologia-cardiopatia ischemica Il fenotipo iperlipidemico familiare combinato (FCHL) rappresenta uno dei principali fattori di rischio di infarto miocardico ad età molto giovanili. Questo fenotipo è caratterizzato da ipercolesterolemia...
transparent

giu122009

Profilassi con ASA: benefici e rischi

L’uso di basse dosi di acido acetilsalicilico (ASA) nella prevenzione primaria degli eventi vascolari, quali infarto miocardico e ictus, non sarebbe giustificata nei soggetti sani con basso rischio di coronaropatia. La riduzione netta degli eventi...
transparent

giu122009

Coronaropatie: utile l'intervento precoce

Nei pazienti con coronaropatia acuta senza sopra-slivellamento del tratto St, inclusi quelli con angina instabile e infarto del miocardio, una strategia invasiva di rivascolarizzazione tramite angioplastica percutanea o by-pass è sicuramente utile,...
transparent

giu122009

Meno rischi CV con controllo glicemico intensivo

Inserendosi in un acceso dibattito sull’utilità di un controllo intensivo del glucosio nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, una nuova metanalisi dimostra come, rispetto a un trattamento standard, uno stretto controllo glucidico riduca...
transparent

giu92009

Infarto: RM individua miocardio a rischio

Cardiologia-cardiopatia ischemica La RM cardiaca T2-STIR può identificare il miocardio a rischio fino ad una settimana dopo del ripristino della pervietà di una coronaria occlusa. Questa tecnica può anche identificare il miocardio che...
transparent

giu72009

Ictus dopo TIA spesso entro 24 ore

Neurologia-vasculopatie cerebrali Quasi la metà degli ictus che intervengono dopo un TIA lo fanno entro le prime 24 ore, il che sottolinea la necessità di interventi d’emergenza. In questi casi la scala ABCD, un parametro convalidato...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi