Infarto miocardico

mag152015

La rete di assistenza ai cittadini con infarto testimonia la buona sanità

Presentati a Milano lo scorso 22 aprile dalla Società italiana di cardiologia invasiva (Gise) i dati del rapporto "Rete Ima web 2", la seconda rilevazione su scala nazionale dello stato di attuazione delle reti territoriali per il trattamento dell'infarto...
transparent
Infarto miocardico acuto, un algoritmo accelera la diagnosi

apr232015

Infarto miocardico acuto, un algoritmo accelera la diagnosi

Un algoritmo a elevata sensibilità che usando i livelli di troponina T cardiaca permette in un'ora di porre o di escludere la diagnosi di infarto miocardico acuto accelerando in modo sicuro la gestione dei pazienti, almeno secondo quanto suggerisce...
transparent
Fans aumentano rischio di sanguinamento negli infartuati in terapia antitrombotica

feb252015

Fans aumentano rischio di sanguinamento negli infartuati in terapia antitrombotica

Nei pazienti in terapia antitrombotica dopo un attacco di cuore, l'uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans) si associa a un aumentato rischio emorragico, di eventi cerebrovascolari acuti e morte cardiovascolare anche dopo un trattamento a breve...
transparent

feb132015

Lo stress percepito al momento dell’infarto condiziona il recupero

Tra i pazienti giovani e di mezza età colpiti da infarto del miocardio, il maggior grado di stress al momento dell'evento acuto si associa a maggiori difficoltà nel successivo recupero dello stato di salute. E dato che spesso le donne percepiscono...
transparent
Controllo genetico dei trigliceridi fattore di rischio per l’infarto giovanile

gen72015

Controllo genetico dei trigliceridi fattore di rischio per l’infarto giovanile

Proprio come accade per il colesterolo, anche le lipoproteine ricche in trigliceridi sono un fattore di rischio per l'infarto del miocardio. Ecco, in sintesi, le conclusioni pubblicate su Nature di un articolo cui hanno contribuito alcuni ricercatori...
transparent

nov172014

Il rischio di infarto sale anche se la coronaropatia non è ostruttiva

Uno studio recentemente pubblicato su Jama e coordinato da Thomas Maddox del Veterans administration eastern Colorado health care system di Denver, indica che la malattia coronarica è importante dal punto di vista clinico anche se non è di tipo ostruttivo....
transparent

nov172014

L’infarto in corsia aumenta il rischio di morte

Il rischio di morte aumenta se l’attacco cardiaco avviene in ospedale. Parola di Prashant Kaul , ricercatore all’Università del North Carolina a Chapel Hill e autore assieme ai colleghi di uno studio che ha verificato incidenza e trattamento dei pazienti...
transparent
Anche la coronaropatia non ostruttiva aumenta il rischio di infarto

nov72014

Anche la coronaropatia non ostruttiva aumenta il rischio di infarto

In una coorte di pazienti sottoposti ad angiografia delle coronarie, quelli con diagnosi di malattia coronarica non ostruttiva avevano un rischio significativamente maggiore di infarto miocardico rispetto a coloro nei quali l’esame non mostrava segni...
transparent

ott202014

L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di morte per cause cardiache

L’esposizione agli inquinanti aumenta il rischio di morte per problemi cardiaci secondo due studi, uno nipponico e l’altro statunitense, pubblicati rispettivamente su Joem, il Journal of occupational and environmental medicine, e su Circulation. Nel primo...
transparent
Giornata mondiale per il cuore, essenziali prevenzione e controlli regolari

set272014

Giornata mondiale per il cuore, essenziali prevenzione e controlli regolari

Quattro casi di infarto su cinque potrebbero essere prevenuti adottando corretti stili di vita, mantenendo un sano peso corporeo, seguendo una dieta sana, non fumando, moderando il consumo di alcolici e facendo regolare attività fisica. A mostrarlo è...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>