Indagini sanitarie

giu162011

Screening per il carcinoma ovarico non influisce sulla mortalità

Lo screening del cancro ovarico, attraverso l'esame di Ca-125 e l'ecografia transvaginale, non riduce la mortalità per la malattia rispetto alla strategia ordinaria. Inoltre la valutazione diagnostica successiva a un risultato falso-positivo si associa...
transparent

apr212011

Fazio, diete dal biologo ma dopo accertamento medico

I biologi possono prescrivere diete, previo, però, un accertamento delle condizioni del paziente che deve essere effettuato dal medico. Lo ha chiarito il ministro della Salute Ferruccio Fazio, rispondendo ieri al question time alla Camera. La questione...
transparent

apr142011

Fa: da controllare i fattori di rischio cardiovascolare

Oltre la metà dei casi di fibrillazione atriale potrebbe essere evitato attraverso un'ottimizzazione del controllo dei fattori di rischio cardiovascolare. È uno dei risultati che Rachel R. Huxley , della divisione di Epidemiologia e salute comunitaria...
transparent

mar112011

Circonferenza ipertrigliceridemica, nuovo indice

Dalla ricerca spagnola arriva la conferma dell'utilità di una definizione alternativa alla sindrome metabolica (Sm) per identificare gli individui ad alto rischio di malattia cardiovascolare (Cvd) e diabete mellito di tipo 2 (T2Dm), ovvero la “circonferenza...
transparent

gen112011

Ca endometriale: positivo lo screening transvaginale

In postmenopausa l'ecografia transvaginale (Tvs) per lo screening del cancro dell'endometrio è caratterizzata da una buona sensibilità e il numero dei falsi positivi può essere ridotto riservando l’indagine a gruppi ad alto rischio. Se il ruolo dello...
transparent

dic32010

Cancro del seno, una mammografia all’anno se è familiare

Quasi 7 donne su 10 tra i 50 e 69 anni si sono sottoposte nel 2009 a uno screening per la prevenzione del tumore al seno con la mammografia. Una percentuale rimasta sostanzialmente stabile rispetto al 2007 e 2008 in Italia, come rileva il rapporto Passi...
transparent

ott42010

Norvegia: screening mammografico riduce di un terzo i decessi

La disponibilità dello screening mammografico si associa a una riduzione del tasso di morte per cancro mammario, ma tale metodo, in s�, determina all’incirca solo un terzo della riduzione totale dei decessi. è il bilancio ­- stilato...
transparent

set302010

Screening degli atleti: per l’Italia è utile, per la Norvegia no

Lo screening elettrocardiografico (sEcg) è in grado di prevenire i casi di morte improvvisa nei giovani atleti? Per Antonio Pelliccia e Domenico Corrado , dell’istituto di Medicina sportiva del Coni, la risposta è sì e lo dimostrano...
transparent

mag132010

Prevenzione migliore grazie al “care manager“

Il “care manager”, ossia un infermiere qualificato che, coordinandosi con il medico di medicina generale e lo specialista, affianca il paziente motivandolo a seguire il percorso di cura indicato dal curante e a modificare i propri stili di vita,...
transparent

apr292010

Screening cardiovascolare: meglio non a tappeto

Cardiologia Per identificare e trattare per tempo le persone ad alto rischio di malattie cardiovascolari, un approccio che preveda l’uso dei dati di routine per la stratificazione dei pazienti e il successivo invito ai soli casi sospetti per una...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi