ictus

nov182016

Malattie internistiche, Betrixaban riduce l’incidenza di ictus nei pazienti ricoverati

Tra i pazienti ospedalizzati per malattie internistiche, la somministrazione di betrixaban riduce in modo significativo l'incidenza di ictus, ischemico e da tutte le cause dopo 77 giorni di follow-up. Ecco, in sintesi, i risultati di uno studio appena...
transparent
Telemedicina nell’ictus, documento congiunto sul suo utilizzo per diagnosi e terapia

nov172016

Telemedicina nell’ictus, documento congiunto sul suo utilizzo per diagnosi e terapia

L'American Heart Association (Aha) e l'American Stroke Association hanno pubblicato su Stroke un documento congiunto sull'utilizzo della telemedicina nell'ictus, primo autore Lawrence Wechsler , professore di neurologia e neurochirurgia all'Università...
transparent
Ictus, Fda approva dispositivo per la prevenzione delle recidive

nov92016

Ictus, Fda approva dispositivo per la prevenzione delle recidive

La statunitense Food and Drug Administration ha appena approvato il dispositivo Amplatzer per la chiusura non chirurgica del forame ovale pervio (Pfo). «Il dispositivo riduce il rischio di ictus ricorrente nei pazienti che hanno avuto un evento cerebrovascolare...
transparent

nov42016

L’incidenza di ictus in gravidanza è maggiore nelle gestanti più giovani

Le gestanti giovani gestanti, al contrario di quelle più attempate, hanno un rischio di ictus aumentato sia in gravidanza sia dopo il parto rispetto alle coetanee non gravide. Ecco in sintesi le conclusioni pubblicate su JAMA Neurology di uno studio,...
transparent
Accordo Fimmg-Fiams, al via piano di formazione per i medici di famiglia

ott52016

Accordo Fimmg-Fiams, al via piano di formazione per i medici di famiglia

Fimmg ha annunciato un accordo con la società scientifica che si occupa delle patologie sessuali (Fiams), grazie al quale sarà estesa all'intera platea dei medici di famiglia la formazione sulle patologie ed i disturbi sessuali, formazione...
transparent

set272016

Fibrillazione atriale: rischio di ictus è maggiore in diabetici in terapia insulinica

I rapporti tra diabete mellito (Dm) e patologie cardiovascolari (Cv) sono ben noti. Piuttosto sconosciuti sono invece quelli tra Dm e fibrillazione atriale (Af). Nuovi dati sull'argomento sono stati discussi a Roma, in occasione del recente convegno Esc...
transparent

set162016

Un nuovo tipo di elettrostimolazione migliora il recupero dopo un’emiparesi

Una nuova tecnica elettrostimolatoria migliora la forza delle mani nei sopravvissuti all'ictus con postumi emiparetici, secondo uno studio pubblicato su Stroke, una rivista dell'American Heart Association (AHA). Circa 800.000 persone l'anno vengono colpite...
transparent

set12016

Studio LEADER, benefici cardiovascolari nel diabete mellito di tipo 2 con l'aggiunta di liraglutide

Sono stati di recente pubblicati i risultati dello studio LEADER (Liraglutide Effect and Action in Diabetes - Evaluation of Cardiovascular Outcome Results), effettuato per valutare l'outcome cardiovascolare (CV) della liraglutide, analogo GLP-1, in pazienti...
transparent
Alcuni biomarcatori potrebbero predire il rischio di ictus

ago302016

Alcuni biomarcatori potrebbero predire il rischio di ictus

Le persone che hanno elevati valori ematici di quattro biomarcatori hanno maggiori probabilità di sviluppare un ictus rispetto a persone con livelli bassi, secondo i risultati di uno studio pubblicato su Neurology, la rivista ufficiale dell'American...
transparent
In caso di ictus il trasporto a un centro specialistico riduce la mortalità

lug282016

In caso di ictus il trasporto a un centro specialistico riduce la mortalità

Il ricovero dei pazienti colpiti da ictus nei Primary Stroke Center si associa a una riduzione di mortalità a 7 e a 30 giorni rispetto al ricovero negli ospedali generali, ma solo se i tempi di trasporto sono inferiori a 90 minuti. È quanto sostiene...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi