ictus

mag262016

Ictus in età pediatrica: area ischemica e iperglicemia fattori prognostici negativi

Il volume dell'area danneggiata dall'ischemia e l'entità dell'iperglicemia, ma non la febbre o l'ipertensione, si associano a una prognosi neurologica sfavorevole dopo un ictus nell'infanzia, secondo uno studio pubblicato su Jama Neurology. «I...
transparent

mag232016

L’andamento della pressione aiuta a predire il rischio di ictus

Lo studio dell'evoluzione dei valori pressori nelle persone di mezza età potrebbe permettere di adottare strategie personalizzate per prevenire ictus e comorbilità correlate, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Hypertension, da Marileen...
transparent

mag132016

Evoluzione dei valori pressori nel tempo permette di prevedere il rischio di ictus e di morte

Prevedere l'evoluzione dei valori pressori dalla mezza età in poi permette di valutare meglio i rischi per la salute derivanti dall'ipertensione ponendo in atto strategie personalizzate prevenire l'ictus e altre comorbilità correlate. Ecco...
transparent

mag132016

Riabilitazione post ictus, pubblicate le linee guida dell’American stroke association

Per la prima volta l'American Heart Association (Aha) e l'American Stroke Association (Asa) pubblicano una linea guida sulla riabilitazione dopo un ictus. «Il precedente documento era sulla gestione medica delle fasi iniziali di un evento cerebrovascolare...
transparent
Nuove linee guide Aha/Asa sull’ictus, per la prima volta dedicate alla riabilitazione

mag102016

Nuove linee guide Aha/Asa sull’ictus, per la prima volta dedicate alla riabilitazione

Si richiamano a un trattamento intenso e multidisciplinare le linee guida sulla riabilitazione post-ictale emanate per la prima volta dall'American heart association e dall'American stroke association (Aha/Asa). «In precedenza ci si era focalizzati più...
transparent
Dopo un ictus l’emisfero destro tende a compensare l’afasia

apr42016

Dopo un ictus l’emisfero destro tende a compensare l’afasia

L'analisi delle strutture cerebrali dell'emisfero destro può aiutare a capire chi dopo un ictus si riprenderà dall'afasia, frequente conseguenza del danno cerebrovascolare. Ecco, in sintesi, le conclusioni di uno studio pubblicato su Neurology...
transparent
Gli Ssri non si associano a un aumento di eventi vascolari cerebrali e cardiaci

mar242016

Gli Ssri non si associano a un aumento di eventi vascolari cerebrali e cardiaci

Secondo uno studio pubblicato sul British Medical Journal gli antidepressivi noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (Ssri) non si associano a un aumentato rischio di ictus o di eventi cardiovascolari nelle persone sotto i 65...
transparent

mar222016

Studio Iris: pioglitazone previene le recidive di ictus e infarto nei non diabetici

Uno dei più utilizzati antidiabetici orali, il pioglitazone - Ppar-gamma agonista che migliora la sensibilità all'insulina - si è dimostrato in grado di ridurre del 24% il rischio di nuovi episodi di ictus o infarto in pazienti non...
transparent
Fibrillazione atriale e rischio di ictus: solo metà di questi pazienti riceve un anticoagulante

mar182016

Fibrillazione atriale e rischio di ictus: solo metà di questi pazienti riceve un anticoagulante

In uno studio pubblicato su Jama Cardiology Jonathan Hsu e i colleghi della University of California di San Diego hanno stimato la misura in cui la prescrizione di un anticoagulante orale negli ambulatori di cardiologia statunitensi aumenta con l'aumentare...
transparent
VI Settimana mondiale del cervello: in neurologia il fattore tempo è decisivo

mar112016

VI Settimana mondiale del cervello: in neurologia il fattore tempo è decisivo

Tempo è cervello. Questo è il tema e il fil rouge che lega tutti i temi al centro della VI edizione della Settimana mondiale del cervello, promossa in Italia dalla Società italiana di neurologia (Sin), che si celebra dal 14 al 20...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi