Grassi alimentari

ott62021

Mangiare meno grassi potrebbe proteggere i capelli

I ricercatori dell'Università di medicina e odontoiatria di Tokyo in Giappone hanno scoperto nel modello animale un meccanismo molecolare che spiegherebbe come mai l'obesità può portare al diradamento dei capelli . "L'alimentazione...
transparent

ott102017

Meno carboidrati e più grassi potrebbe migliorare lo stato di salute

I dati derivati dal trial PURE, Prospective Urban Rural Epidemiology, in studio prospettico multicentrico e internazionale che cui hanno preso parte più di 135.000 persone provenienti da 18 Paesi a basso, medio e alto reddito, dimostrano che un'elevata...
transparent
Grassi alimentari e rischio cardiometabolico, studio conferma i danni per la salute

lug62016

Grassi alimentari e rischio cardiometabolico, studio conferma i danni per la salute

Uno studio pubblicato su Jama Internal Medicine, accompagnato da un commento, ha esaminato se il consumo di cibi derivati da prodotti alimentari che godono di sovvenzioni statali sia legato a un aumento del rischio cardiometabolico, mentre un secondo...
transparent

nov52015

A lungo termine dieta ipolipidica non fa perdere più peso di quella ad alto contenuto di grassi

Le diete ipolipidiche non portano a una maggiore perdita di peso a lungo termine rispetto a quelle isocaloriche ad alto contenuto di grassi, secondo una metanalisi pubblicata su The Lancet Diabetes & Endocrinology che ha coinvolto quasi settantamila...
transparent
Linee guida sui grassi nella dieta, uno studio le mette in discussione

feb102015

Linee guida sui grassi nella dieta, uno studio le mette in discussione

Uno studio recentemente pubblicato su Open heart mette in discussione le raccomandazioni presenti da decenni nelle linee guida Usa e Uk sulle dosi di grassi saturi e insaturi da includere nella dieta per prevenire le malattie cardiovascolari. «Le indicazioni...
transparent

ott202014

Acidi grassi insaturi e rischio cardiovascolare nei giovani

L'energia in eccesso fornita dagli acidi grassi polinsaturi rispetto a quelli saturi riduce le lipoproteine aterogene. Lo sostiene David Iggman dell’unità di Nutrizione clinica e metabolismo all’università di Uppsala, in Svezia, primo autore di uno...
transparent

mar272013

La dieta mediterranea tutela il cuore nei pazienti a rischio

L’olio extravergine di oliva o la frutta secca aggiunti alla dieta mediterranea abbassano la frequenza di eventi cardiovascolari nei pazienti a rischio elevato, almeno secondo le conclusioni di uno studio multicentrico pubblicato sul New England journal...
transparent

giu272011

Consumo di pesce e scompenso cardiaco nelle donne

Il Women’s Health Initiative (WHI) Observational Study si sta rivelando una fonte importante di osservazioni epidemiologiche raccolte in donne americane di ogni etnia (e sono ben 93.676 seguite per dieci anni) nelle fasce di età dai 50 ai 79 aa. Uno degli...
transparent

giu202008

LES: benefici dall’olio di pesce

Reumatologia-reumatismi extra-articolari L’integrazione con olio di pesce migliore l’attività della malattia e la funzionalità endoteliale nei pazienti con LES. Precedenti studi avevano dimostrato che i PUFA n-3 presenti nell’olio...
transparent

mar72007

Crescita in fasi chiave dell’infanzia connessa a livelli lipidici

Epidemiologia E’ stato dimostrato che alcuni eventi delle prime fasi della vita in grado di limitare la crescita in altezza nei primi due anni, come stress, infezioni e scarsa nutrizione, hanno un effetto prolungato che si traduce in un peggiore...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi